giovedì, 30 giugno, 2022
Sei qui: Home / H - I - J - K / I CAN'T GET NO SATISFACTION - regia Gaetano Ventriglia

I CAN'T GET NO SATISFACTION - regia Gaetano Ventriglia

I can't get no satisfaction I can't get no satisfaction Regia Gaetano Ventriglia

a Ricordi dal sottosuolo di Fedor M. Dostoevskij
ideazione e regia: Gaetano Ventriglia
con Claudio Alfaroli, Francesco Cortoni, Silvia Garbuggino, Marco Sanna, Francesca Ventriglia
Roma, Teatro Vascello, dal 25 al 30 settembre 2007

Il Messaggero, 6 ottobre 2007
Le mille vite di Dostoevskij

C'è sempre uno strano rapporto tra un russo e il suo servo. Il Firs cechoviano, lo Zachar di Goncarov, l'Apollon di Dostoevskij. Il servo è la coscienza. Disapprova senza fiatare, accudisce per abitudine, maltratta per necessità. La vocina che ti sussurra infida: non sarai mai soddisfatto. Fai discorsi alti e filosofici, ma ti disperi se ti si brucia il sugo. Sei un maniaco della pulizia compulsiva o un pensatore? Il protagonista delle Memorie, un ex-impiegato che si dichiara cattivo e langue sotto i colpi della colpa, non ha risposte. Gaetano Ventriglia, al suo terzo incontro con Dostoevskij, prova a mettergli accanto Dave Gahan e Mick Jagger, e camuffa il testo che pre-figura l'inconscio freudiano con un titolo rollingstoniano: I can't get no satisfaction.
Al centro di un sottosuolo circolare e senza uscita, piazza uno schizofrenico che credeva di farcela, a essere un uomo. Uno di quelli che salvano le donne, per giunta. Poi il sugo si è bruciato e la storia, come sappiamo, è andata male. Per lui e per la ragazza. «E se tu potessi condurla in un posto più felice, in un tempo più felice, che esiste nella tua mente...» (Depeche Mode, Little Fifteen). Oggi uno per sopravvivere a certe delusioni può sempre esclamare: «Meno male che ho letto Dostoevskij!». Ma cosa poteva fare quel russo se non soffrire fino in fondo, soffrire come solo i russi sanno fare? Marco Sanna, l'Uomo del Sottosuolo, è più romagnolo che sovietico. Fa la spesa alla coop e prepara un ragù speciale (che poi è la causa del suo mal). Vuole star solo, ma invidia le combriccole sulla Prospettiva Nevskij. Una volta lì, vede le cose in un'altra prospettiva ancora, e tutto diventa improvvisamente così volgare e poco letterale... Andate al Vascello a vedere questo lavoro curato e non presuntuoso, ci troverete tante cose. Come l'idea che attraverso il teatro un testo rivive, e c'è sempre un nuovo lettore a interpretarlo, falso ignorante o vero nichilista. Silvia Garbuggino, con un volto che si addice a una delle Marie ai piedi della croce, è Apollon. In scena anche Francesca Ventriglia, Claudio Alfaroli e Francesco Cortoni.

Paola Polidoro

Ultima modifica il Domenica, 11 Agosto 2013 09:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.