martedì, 15 ottobre, 2019
Sei qui: Home / F / FAVOLA BELLA (LA) - regia Grazia Isoardi

FAVOLA BELLA (LA) - regia Grazia Isoardi

"La favola bella" - regia Grazia Isoardi "La favola bella" - regia Grazia Isoardi

Scritto e diretto da Grazia Isoardi
con gli attori Belkaoua Salah, Carpentieri Luciano, Climaco Al Faro Geovanny, Farci Massimiliano, Diamante Stefano, Herba Nabil, Jemenez Oscar, Mabrak Abdelilah, Maron Alberto, Naji Mourad, Stancu Daniel, Zanda Andrea
Coreografie di Marco Mucaria
Luci di Cristian Perria, Tecnico luci Berraouch Radouane, Tecnico di scena Baghdadi Adbel
Costumi Anastasia Pirogova, Fotografia Paolo Ciaberta
Voci Erranti Onlus
Casa di Reclusione "R. Morandi" di Saluzzo
Città di Saluzzo
con il sostegno della Compagnia di San Paolo di Torino
dal 25 al 28 settembre 2014
repliche autunnali per le scolaresche – prenotazioni obbligatorie

www.Sipario.it, 4 ottobre 2014

Su un bel disegno animato di luci e ombre si staglia una foresta di lupi. Sono dodici, hanno giubbotti pelosi e bicipiti esposti, si aggirano nell'immaginaria selva, che è anche quella dei desideri, di cui conoscono e temono la pericolosità, come attesterà più avanti il primo canto dell'Inferno di Dante, recitato con coscienza e lucidità, con sguardo fisso e corpo che freme per lo splendore dei versi, per l'incarnato delle parole. I lupi, belve ed intelletti, si aggirano nella fitta boscaglia delle umane menti e intanto si materializza la vicenda millenaria, vera, finta, scritta, orale, di Cappuccetto Rosso. Sul silenzio delle immagini proiettate un predatore ispanico narra di Cappuccetto. Snocciola i cardini di una pièce a stazioni, in andirivieni tra il teatro che gioca a se stesso e annulla e ricostruisce la quarta parete. Così si indagano necessità e crudeltà, se è fame, quindi natura, o morale, quindi altro, a guidare il lupo carnefice. E questa bambina poi, e questa madre irresponsabile, e questa nonna egoista, chi sono, e perché? Si susseguono dialoghi e gesti, quadri pittati di luci e poveri oggetti, come il cesto, appeso in alto e pieno di ghiottonerie, e poi grandi tavole imbandite e fantocci viventi, simili a nonne smunte, a dirigere le libagioni. Un lavoro intenso, vivo, da elogiare, recitato con la piena consapevolezza dello strumento teatro e con una cospicua e savia dose di ironia. E c'è una chiusa in levare che ammalia. Oltre la vita da lupi c'è un'alternativa, scevra di etichette religiose. C'è il perdono. Laico, immanente. Che tocca, cambia e, come l'arte, salva.

Maura Sesia

Ultima modifica il Martedì, 07 Ottobre 2014 10:10

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.