domenica, 21 luglio, 2024
Sei qui: Home / E / ERODIAS - regia Sandro Lombardi

ERODIAS - regia Sandro Lombardi

Erodiàs Erodiàs Regia Sandro Lombardi

di Giovanni Testori
raccontato e interpretato da Sandro Lombardi
Roma, Museo dell’Ara Pacis, 12 settembre 2008

www.Sipario.it, 15 settembre 2008
Erodiàs all’Ara Pacis

Nella spettacolare cornice del Museo dell’Ara Pacis si è conclusa la seconda edizione della manifestazione “Musei d’Estate. Quando l’arte diventa spettacolo”, promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma in collaborazione con Zètema Progetto Cultura. In programma l’evento conclusivo gratuito: Erodiàs nella riduzione e interpretazione dell’affezionato Sandro Lombardi, testo già rappresentato lo scorso maggio in un luogo parimenti suggestivo come il cortile del Museo Nazionale del Bargello di Firenze in occasione del Maggio Fiorentino. Lombardi, dopo i consensi riportati con Edipus, Cleopatràs, Due Lai e L’Ambleto che gli sono valsi altrettanti Premi Ubu come miglior interprete maschile, ritorna al teatro di Testori con un assolo dedicato a Eriodade.
Erodias è il pannello centrale dell trittico I tre lai che l’autore dedica a tre figure femminili dell’antichità: Cleopatra, Erodiade e la Madonna.
Scritti durante l’ultima parte della malattia e pubblicati postumi, questi tre compianti, quasi un testamento poetico, si presentano come tre conversazioni con la morte che ognuna delle eroine affronta a proprio modo. Ed è un lamento di morte che dà avvio al dramma interpretato nella finzione scenica da un attore che recita, in un qualche sperduto paesino brianzolo, la figura biblica. In realtà Erodiade, china su una immaginaria testa mozzata di Giovanni Battista, piange d’amore, ricordando gli eventi trascorsi attraverso la cruda carnalità del linguaggio scenico di Testori, una sapiente commistione di dialetto lombardo e italiano.
Testori, con le sue evoluzioni artistiche e lessicali, è autore che costringe l’attore a tirar fuori tutto di sé. Ed è proprio questo che fa Lombardi in questo monolgo farcito sapidamente qua e e là dallo stesso Lombardi, si lascia penetrare dal fiume di parole finendo così per possederle dall’interno. Troppe volte però l’interprete, uscendo dal personaggio, sente l’esigenza di evidenziare e chiarire alcuni passaggi. Qualche interruzione di meno avrebbe maggiormente giovato alla godibilità della serata.
Il monumento alla pace augustea come sfondo ideale obbliga e giustifica l’assenza di scene e costumi. L’attore, in un rigoroso abito nero, si concede soltanto il vezzo di un paio di sandali che lasciano scoperti i piedi.
Complice della magia della serata, una torrenziale e tanto attesa pioggia che si abbatteva sulle vetrate disegnate da Meier, a tratti illuminate a giorno da improvvisi fulmini a sottolineare i momenti drammaturgici più alti.
Alle note del lamento di Didone, When I am laid in Earth, tratto da Didone e Enea di Henry Purcell il compito di introdurre ed avvolgere lo spettatore nell’attesa, mentre l’audio di un graffiante Vasco Rossi accompagnava sottofondo i calorosi applausi del pubblico a questo paradossale inno alla vita segnata dal dolore e dal male.

Cosimo Manicone

Ultima modifica il Giovedì, 19 Settembre 2013 08:30

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.