domenica, 05 aprile, 2020
Sei qui: Home / E / ENGLAND - regia Carlo Cerciello

ENGLAND - regia Carlo Cerciello

England England Regia Carlo Cerciello

di Tim Crouch
regia Carlo Cerciello
con Paolo Coletta e Mercedes Martini
tecnico audio: Giusy Crescenzo, costumista: Daniela Ciancia, costumi: Penalty, traduzione Luca Scarlini
produzione Napoli Teatro Festival Italia
in collaborazione con MADRE - Museo d'Arte contemporanea Donna REgina e Gallerie d'arte contemporanea della città di Napoli
Milano, Fondazione Arnaldo Pomodoro, dal 12 al 16 novembre 2008

Corriere della Sera, 15 novembre 2008
www.Sipario.it, 20 giugno 2008
Ritmo serrato e bravi attori
«England» siamo noi

Pochi tratti per disegnare la violenza di una società che pensa che con i soldi si possa comprare tutto, che si considera raffinata, con una stupefacente educazione dei sentimenti e del gusto pervasa com' è da secoli di arte, di poesia. Pochi tratti per svelarne, invece, il volto bieco, razzista, senza etica e opportunista in dialoghi asciutti che si intrecciano a ritmo serrato in una pièce spiazzante e aspra che ha un incalzante andamento musicale. È l' inquietante «England» dell' inglese Tim Crouch portato in scena con bel rigore ideativo da Carlo Cerciello, ben recitato da Mercedes Martini e Paolo Colletta, ottimamente tradotto da Luca Scarlini. Lui è un ricco mercante d' arte, lei si scopre gravemente malata di cuore. È necessario un trapianto. I soldi non mancano, un cuore si può anche comprare. Lei si recherà in India per «ringraziare» la vedova del «donatore» portandole in regalo un «pezzo» arte. Crouch indica le gallerie d' arte contemporanea, - a Milano lo splendido spazio della Fondazione Pomodoro tra capolavori del grande artista - come luogo per le rappresentazioni con il devastante effetto di rendere ancor più insopportabile, in quei luoghi che dovrebbero affinare lo spirito ed espanderlo, la violenza e la volgarità di una società per la quale l' arte non accresce le facoltà dell' essere ma solo quelle del possedere. Fondazione Pomodoro fino a domenica

Magda Poli

"England" è una breve pièce teatrale, il cui autore è l'inglese Tim Crouch. Viene proposta in maniera itinerante in alcune gallerie d'arte di Napoli, una proposta interessante, anche se non nuova, infatti, l'idea di portare momenti di teatro in luoghi alternativi, come musei, librerie, gallerie, palestre, dancing, risale a tempi lontani, ma ciò non vuol dire che non sia utile. E nell'ambito del Festival Teatro Italia di Napoli, però, prende una valenza più importante perché sottolinea quella linea progettuale di far "vivere" spazi nuovi come siti archeologici eccetera.

Quindi la piacevolezza di questa proposta sta nel fatto che il testo di Crouch, interpretato da due attori (Paolo Coletta e Mercedes Martini) e una figurante (Giusy Crescendo) con compiti di interventi fonici assegnati ad un piccolo registratore, ci mette a contatto in modo "vivo" con gli interpreti che agiscono in piena luce, a pochi centimetri dai nasi del pubblico e, di volta in volta, interagiscono anche con i quadri esposti. La storia che viene snocciolata, passando da una saletta all'altra, racconta, con alternanza anche dei ruoli, di una donna che subisce un trapianto di cuore che ristabilisce il complesso rapporto con il marito, mercante d'arte.

Quello che abbiamo apprezzato nella essenziale regia di Carlo Circiello è che ha conferito agli interpreti moduli e ritmi recitativi ben sostenuti, suggestivi, aggressivi, diretti ad un grumo di presenti, non più di venti, che timidamente si dispongono alle pareti e si lasciano accarezzare dalla recitazione espressiva di Paolo Coletta e da quella grintosa di Mercedes
Martini; entrambi dimostrano la sicurezza e la consapevolezza di quanto sia importante stare "dentro" alla parte, "dentro" al personaggio, e non distrarsi mai. Il che non è facile quando ti senti il fiato e gli sguardi addosso del pubblico.

Mario Mattia Giorgetti

Ultima modifica il Giovedì, 19 Settembre 2013 08:31

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088