martedì, 13 aprile, 2021
Sei qui: Home / D / DUELLANTI (I) - regia Alessio Boni e Roberto Aldorasi

DUELLANTI (I) - regia Alessio Boni e Roberto Aldorasi

"I duellanti", regia Alessio Boni e Roberto Aldorasi. Foto Federico Riva "I duellanti", regia Alessio Boni e Roberto Aldorasi. Foto Federico Riva

traduzione e adattamento Francesco Niccolini
drammaturgia Alessio Boni Roberto Aldorasi
Marcello Prayer Francesco Niccolini
violoncellista Federica Vecchio
maestro d'armi Renzo Musumeci Greco
musiche Luca D'Alberto
scene Massimo Troncanetti
costumi Francesco Esposito
light designer Giuseppe Filipponio
regia Alessio Boni e Roberto Aldorasi
Teatro della Pergola, Firenze 11-21 febbraio, 2016
Teatro Quirino, Roma 23 febbraio- 6 marzo 2016
Teatro Guglielmi di Massa 18-20 marzo 2016 (in ripresa autunnale)

www.Sipario.it, 21 aprile 2016

Scritto agli inizi del '900 e ambientato fra caserme, piazze d'armi, accampamenti dell'esercito napoleonico, "The duel" di Joseph Conrad, cui si rifà una messinscena cupa e a suo modo inflessibile (diversa dall'esuberante, agghindato film di Ridley Scott del 1977) è, in superficie, l'affresco di un mondo cavalleresco, sospeso tra vitalismo e percezione della fine incombente in quel particolare, esclusivo mondo della cavalleria e degli eserciti ottocenteschi, che le nuove logiche militari del 'secolo breve' avrebbe spazzato via senza, (vien da dire) concedere ai 'predecessori' nemmeno...l'onore delle armi. Che, da un certo punto, in poi sarebbero state 'da fuoco' e 'a ripetizione', dunque industrializzate (come ancora lo sono) per accumulazione e gestione di profitti di guerra, sostitutivi di quelli che, per millenni, erano stati i bottini, le prede, le occupazioni. Come dire? L'etica militare avrebbe reso smisurati ed economicamente 'redditizi' stermini ed eccidi sui campi di battaglia, nelle città bombardate o nei futuri lager dell'umanità da 'scartare'.
Il mondo di Conrad è dunque (a suo modo, forse inconsapevolmente) il geniale 'de profundis', il 'canto del cigno' di due sconosciuti avversari non militanti su fronti opposti, ma entrambi Ussari della Grande Armée di Napoleone Bonaparte. 
"Per motivi a tutti ignoti –leggo da una manuale di sintesi- essi inanellano sfide e duelli che li accompagneranno lungo le rispettive carriere, senza che nessuno sappia il perché di questo odio così profondo". Vicissitudini che renderanno famosi i due avversari non tanto per il loro valore di combattenti sfegatati, quanto per l'eroica fedeltà ad una sfida insaziabile, durante i vent'anni che accompagneranno entrambi al 'duello decisivo', anch'esso meta ed inizio di sorprese e reciproci ricatti prolusivi di una disputa che, presumibilmente, non avrà fine.
Se non dando ad essa (ciascuno a suo modo) significati allegorici, metafisici, freudiani non tanto dissimili da quelli già rivelati (tra le opere di Conrad) da "Cuore di tenebra", "Nostromo", "Lord Jim", "La linea d'ombra". Oltre ad accostamenti, non azzardati, alla 'grande scuola' dell'ossessione e dell'incubo -pervicace che attraversa il romanzo occidentale lungo il fil- rouge che scaturisce da Melville, tocca Kafka e Faulkner, e si completa nella generazione dei 'mondi veri ma assurdi' constatati da Camus, Beckett, Durrenmatt.
****
Ma, al dunque, perché le trame della vita e del destino sfuggono di mano sia ai due Ussari, sia al lettore\spettatore? Per la 'banale' spiegazione (memorabile, icastica, diaristica in "L'avversario" di Emmanuel Carrère del 1999) che non esiste ragione del contendere se non nei fantasmi interiori, negli esuberanti grovigli dei rivali 'per insondabile vocazione'. Nessuna analogia, quindi, con la tradizione dei grandi 'duelli' letterari (Ettore e Achille, Orlando e Rinaldo, Alfio e Turiddu, gli stessi Caino e Abele), ma qualcosa di più illusorio, fuggevole, ingannevole che giunge riduttivo ricomporre- proprio come accade nel fremente spettacolo di Boni e Aldorasi- in una disputa di cappa e di spada, di agguati e cavalieri, ma nella pertinente intuizione d'un ambiente circoscritto, desolato, a luce fioca (poco più di un deposito di attrezzerie in disuso) che restringe ad uno stanzone, ad una gabbia mentale quello che in Conrad (e nel film di Scott) era l'epico susseguirsi di lande, avamposti, steppe, lerce caserme
"L'avversario più feroce lo hai dentro di te e non riesci a liberartene per il semplice fatto che sei tu che non vuoi liberartene"- annotano i due registi. Proseguendo con una citazione che lo scrittore Erlando Affinati dedica alla 'testarda' epopea di Conrad. "Autore che ci spiega come si fa a diventare adulti: bisogna scegliere, ma ciò significa rinunciare a qualcosa di se stessi, non soltanto ai rami secchi, che non costerebbe nulla; anche a quelli fioriti, persino ai più belli. E questo è molto meno facile. Perché è una vera e propria amputazione spirituale". Perfetto: la sensazione è che la trasposizione scenica 'ometta' (negligenza? distrazione? non identificazione?) la pervicacia puerile, assoluta, irragionevole con la quale ciascuno dei contendenti prova a dimostrare a se stesso l'onnipotenza, l'assolutezza di una 'vita adulta' inaccessibile sino a che l'empietà, la cecità, l' 'irregolarità' della Storia (nel suo presunto divenire) non farà strame di chi "non è ancora cresciuto". Ma al prezzo di nuove vittime, barbarie, tirannide, macelleria sociale (con quotazioni di nuovo in rialzo).
Se valutiamo queste deduzioni non 'conseguenza' emozionale-intellettiva dello spettacolo, ma spontanee divagazioni del dopo-teatro, fra amici e compagni di platea, si giunge alla conclusione di una rappresentazione generosa, aitante, di forte impatto muscolare- ma priva di scandaglio analitico, drammaturgico, interpretativo (specie per quel che attiene le prestazioni ribalde, canagliesche ma di maniera di Boni e Meoni).

Angelo Pizzuto

Ultima modifica il Sabato, 23 Aprile 2016 06:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.