giovedì, 12 dicembre, 2019
Sei qui: Home / C / COSCIENZA DI ZENO (LA) - regia Maurizio Scaparro

COSCIENZA DI ZENO (LA) - regia Maurizio Scaparro

La coscienza di Zeno La coscienza di Zeno Regia Maurizio Scaparro

di: Tullio Kezich dal romanzo di Italo Svevo
regia: Maurizio Scaparro
interpreti principali: Giuseppe Pambieri, Enzo Turrin, Giancarlo Conde'
e con:

 Silvia Altrui, 
Livia Cascarano,
 Guenda Goria,
 Marta Ossoli,
 Antonia Renzella,
 Raffaele Sinkovic,
 Anna Paola Vellaccio,
 Francesco Wolf
Produzione Compagnia del Teatro Carcano
scene di Lorenzo Cutuli, costumi di Carla Ricotti
musiche di Giancarlo Chiaramello
Teatro Carcano, Milano dal 16 gennaio al 3 febbraio 2013

www.Sipario.it, 21 gennaio 2012

La coscienza di Zeno è la nuova produzione del Teatro Carcano. Maurizio Scaparro cura la regia del testo di Svevo nell'adattamento di Tullio Kezich del 1964, già impiegato in altri allestimenti. Il romanzo, sebbene notevolmente ridotto, non risulta privato dei suoi elementi fondamentali. La rappresentazione scorre lungo il tempo della memoria e lascia emergere chiaramente la dimensione interiore del protagonista, rivelando gli effetti che gli accadimenti hanno sulla propria coscienza. L'abile alternarsi tra narrazione diretta e azione scenica è certamente aiutato dal continuo rimescolamento delle ambientazioni che, in un fluido susseguirsi di ricordi, lasciano spazio ai commenti di Zeno. Giuseppe Pambieri, presente in scena per la quasi totalità dello spettacolo, veste brillantemente il ruolo assegnatogli. Non da meno sono gli attori che lo accompagnano, tutti dalle eccezionali doti artistiche.
Il sipario si apre sullo studio del "dottor S.". Sull'onda delle domande dello psicanalista, Zeno comincia un viaggio a ritroso, immergendosi totalmente nel passato. Nel ricordo emergono alcune vicende essenziali: il vizio del fumo che non è mai riuscito a eliminare, la morte del padre con cui ha avuto un rapporto difficile, il matrimonio, l'amante e gli affari.
In tale percorso Zeno ci appare come un uomo contraddittorio, sospeso in uno stato di perenne confusione: si barcamena tra tre donne, al lavoro è incostante, verso il cognato prova rivalità e al contempo affetto. Egli confessa apertamente le pulsioni che lo abitano e che spesso risultano contrastanti. La propria malattia è l'assenza di quell'equilibrio esistenziale e sociale che intravede negli altri, uomini e donne dal comportamento lineare, perfettamente inseriti negli stereotipi sociali borghesi. Ma, proprio per questo, a loro sembra mancare quello sguardo d'analisi interiore che destabilizza Zeno e che lo immerge nella complessità umana e nella tragicità della vita che, tuttavia, gli appare anche nella sua bizzarra comicità.
Acquisita la consapevolezza che la vita non è né bella né brutta, ma semplicemente originale e che tutti gli uomini sono malati, artefici e vittime di una cultura che avrà come ultimo esito la bomba atomica, Zeno accetta la realtà per come è e diviene abile commerciante e patriarca della famiglia. Trova il proprio posto nel mondo, concretizzando la nuova consapevolezza raggiunta: "da vecchi si rinuncia ai buoni propositi e si sorride dell'esistenza e di ogni suo contenuto".

Serena Lietti

Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2013 11:17

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.