venerdì, 19 luglio, 2024
Sei qui: Home / C / CERIMONIA DEL MASSAGGIO (LA) - regia Roberto Piana

CERIMONIA DEL MASSAGGIO (LA) - regia Roberto Piana

Gianluca Ferrato in “La cerimonia del massaggio ”, regia Roberto Piana. Foto Franco Rabino Gianluca Ferrato in “La cerimonia del massaggio ”, regia Roberto Piana. Foto Franco Rabino

di Alan Bennett
con Gianluca Ferrato
regia Roberto Piana
traduzione Anna Marchesini drammaturgia Tobia Rossi
scene Francesco Fassone costumi Agostino Porchietto
Light designer Renato Barattucci
Una produzione Bistremila
Teatro Alfieri prima nazionale 21 giugno 2024
Festival AstiTeatro 46

www.Sipario.it, 7 luglio 2024

Un prete, una messa, una chiesa. Le funzioni religiose sono innervate di aspetti teatrali, nella gestualità convenzionale, nell’iterazione delle parole, nei costumi. Questa chiesa però è un teatro e i fedeli sono gli spettatori. E non si tratta di una messa qualsiasi. Si celebrano le esequie del giovane Clive, massaggiatore dei vip. Un monologo poco monologato, che usa e coinvolge la platea con garbo d’altri tempi materializzando sul palco alcune figure. Soprattutto Padre Geoffrey Jolliffe. Delicato, struggente, mai triste, immerso nell’emozione terrena ma anche, epidermicamente, divina. Prosa ponderosa ma senza che se ne avverta la portata perché irrorata di umorismo. Per uno spettacolo vivido, brioso, da assaporare. Un’interpretazione di pretta efficacia, per una storia umbratile e striata di molteplici argomenti, tutti di grande attualità, nonostante l’arguto autore Bennett l’abbia scritta, e non per il teatro, una ventina di anni fa. Imperversava l’Aids. E’ il fantasma taciuto, la minaccia oscura. L’Aids c’è ancora, anche se meno terrorizzante, ma si è aggiunto lo spettro dei virus misteriosi, ça va sans dire il covid. Minacce che aleggiano ma non atterrano. Prevale, in questa amalgama virtuosa che fa di un soliloquio un’opera corale, con gli spettatori muti imprescindibili tasselli del mosaico, il pensiero d’amore. Padre Geoffrey ha amato Clive. Senza pentimento, con un poco di paura, che però passa. Clive ha amato molti e molte, saviamente, pienamente. Sul palco pulpito il prete invita altri testimoni. Varie voci narrano la storia di un giovane innamorato della vita anche nel suo prenderla alla leggera. La messa è un crogiuolo di bizzarrie perché questi fedeli non hanno mai varcato la soglia di un edificio sacro. Ne scaturiscono immagini spassose, ma padre Geoffrey accoglie, non giudica, non respinge, conduce il rito, omaggia la memoria e lascia libero l’amore. Lascia liberi di amarsi. 

Maura Sesia        

Ultima modifica il Martedì, 09 Luglio 2024 22:02
Altro in questa categoria: « CASSANDRA - regia Carlo Cerciello

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.