Stampa questa pagina

LA COMMEDIA DEGLI ERRORI - regia Massimo Andrei

"La Commedia degli errori", regia Loredana Scaramella "La Commedia degli errori", regia Loredana Scaramella

Regia di Loredana Scaramella 
Traduzione e adattamento Loredana Scaramella 
Produzione Politeama s.r.l.
Interpreti (In ordine alfabetico)
Primo mercante, Guardia  ​ ​ DONATO ALTOMARE 
Una Ragazza Leggera ​​​ LARA BALBO 
Professor Pinza,esorcista​​            GIULIO BENVENUTI 
Solino, Duca di Efeso​ ​​ GABRIO  GENTILINI 
Luciana ​​​​​ BETTA MANDALARI   
Balthazar, mercante ​​​ ROBERTO MANTOVANI 
Antifolo di Efeso​​​​ MATTEO MILANI 
 Dromio di Siracusa ​​​ LUCA NENCETTI 
Angelo, orafo ​​​​ IVAN OLIVIERI 
Emilia,  Badessa a Efeso ​​​ LOREDANA PIEDIMONTE  
Adriana​​​​ ​ CARLOTTA PROIETTI 
Egeone, mercante di Siracusa​ ​ CARLO RAGONE  
Luce ​​​​​​ LAURA RUOCCO 
Antifolo di Siracusa​​         ​​ MAURO SANTOPIETRO  
Cantante caffè, ​​​​ TONI SAPIO 
Secondo mercante ​​​ ANTONIO TINTIS 
Dromio di Efeso​​​​ FEDERICO TOLARDO 
Musicisti
chitarra DANIELE DE SETA  
violino ADRIANO DRAGOTTA
clarinetto​​​​​ ELEONORA GRAZIOSI  
batteria DUCCIO LUCCIOLI  
contrabbasso STEFANO MARZOLLA 
Movimenti di scena ALBERTO BELLANDI
Coreografie LAURA RUOCCO 
Musiche originali MIMOSA CAMPIRONI
Collaborazione agli arrangiamenti ADRIANO DRAGOTTA 
Costumi SUSANNA PROIETTI 
Scene FABIANA DI MARCO 
Aiuto regia FRANCESCA VISICARO 
Aiuto coreografo​​​​  GIULIO BENVENUTI  
Disegno luci UMILE VAINERI 
Sound designer DANIELE PATRIARCA
Roma – Gigi Proietti Globe Theatre Silvano Toti
Dal 15 al 31 Luglio 2022

www.Sipario.it, 30 luglio 2022

È sempre una gioia vedere un classico a teatro che non ha aloni di polvere e non sa di vecchio, che non è insapore; che non è pallido ma vivace; che parla a noi come se quelle battute e il loro autore appartenessero ai nostri giorni e, invece, quale sorpresa? la loro epoca è di secoli e secoli fa.
Merito della grandezza del classico, questo è fuori discussione. Ma la regia, in tal caso, gioca un ruolo fondamentale.
E allora proviamo ad immaginare una Commedia degli errori di Shakespeare da riproporsi oggi, mantenendo lo spirito ironico di cui è pervasa dall’inizio alla fine, la vivacità, il ritmo, la buffoneria dei personaggi mai dissociata da una loro innocenza di fondo. Come possiamo sentire questo materiale narrativo vicino a noi, in un’epoca in cui tutti sono diventati tremendamente seriosi e si è persa la dimensione del gioco e del ridere innocenti? 
Loredana Scaramella ha avuto un’intuizione eccezionale: ambientare questa pièce di Shakespeare negli anni Venti, in una Efeso immaginaria; e di farla procedere sul palco a ritmo di charleston, in un caffè di strada che è il crocevia di molte vicende umane. Fra queste, la più spiritosa: due gemelli separati a causa di un fato impietosamente spiritoso, che si trovano inconsapevolmente nello stesso luogo e a vivere l’uno la situazione dell’altro nulla comprendendo, nulla immaginando.
Qui scatta la comicità in chiave moderna: preservando lo spirito dell’equivoco tipico di Shakespeare e anche di certi meccanismi della commedia dell’arte, ma facendo interpretare tutto questo materiale drammaturgico non a maschere né a caratteristi, ma a personaggi. 
Nella rilettura di Scaramella, Antifolo e Dromio, suo servitore, divengono personaggi da circo, fuoriusciti da una comica di Chaplin o di Laurel e Hardy. Nulla condividono della maschera o del personaggio caratterista. E sia ringraziato il cielo! Così Shakespeare, finalmente, torna a respirare e a riappropriarsi di quella leggerezza ed ironia che gli sono state sottratte da pluridecennali riletture intelettualistiche, affidate solo alla ragione e per niente allo spirito.
Meravigliosa si è rivelata l’interpretazione di Mauro Santopietro (Antifolo di Siracusa) e di Matteo Milani (Antifolo di Efeso). Entrambi con un senso straordinario del ritmo e della fantasia, nei ruoli, davvero encomiabile. E poi che dire del loro stile attoriale: equilibrio fra recitazione fisica e verbale, una modulazione vocale mai forzata ma sempre spontanea pur non essendo realistica (che gioia!).
Straordinari sono stati anche Luca Nencetti (Dromio di Siracusa) e Federico Tolardo (Dromio di Efeso): due Charlot eleganti e divertentissimi, a tratti teneri e malinconici, raffinatamente perfidi all’occorrenza.
Che meravigliosa Commedia degli errori! Un evento lieto da correre a vedere per gli spiriti di ogni età. 
È grazie a regie così, dove generi e stili si mescolano tra loro contaminandosi e perfezionandosi, che Shakespeare finalmente lo riscopriamo, come diceva Jan Kott, nostro contemporaneo.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Martedì, 02 Agosto 2022 09:17

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.