giovedì, 12 dicembre, 2019
Sei qui: Home / C / CITA A CIEGAS - regia Andrée Ruth Shammah

CITA A CIEGAS - regia Andrée Ruth Shammah

Gioele Dix, Laura Marinoni, Elia Schilton, Sara Bertelà, Roberta Lanave in "Cita a Ciegas", regia Andrée Ruth Shammah Gioele Dix, Laura Marinoni, Elia Schilton, Sara Bertelà, Roberta Lanave in "Cita a Ciegas", regia Andrée Ruth Shammah

(appuntamento al buio)
di Mario Diament

traduzione, adattamento e regia Andrée Ruth Shammah

traduzione dallo spagnolo Maddalena Cazzaniga

con Gioele Dix, Laura Marinoni, Elia Schilton, Sara Bertelà, Roberta Lanave
scena Gianmaurizio Fercioni

luci Camilla Piccioni

costumi Nicoletta Ceccolini

musiche Michele Tadini

aiuto regista Benedetta Frigerio

assistente alla regia Tommaso Bernabei

assistente allo spettacolo Beatrice Cazzaro

direttore dell'allestimento Alberto Accalai

pittore scenografo Santino Croci

direttore di scena Marco Pirola

macchinisti Riccardo Scanarotti, Paolo Roda

elettricista Gianni Gajardo

fonico Matteo Simonetta

sarta Caterina Airoldi

produzione Teatro Franco Parenti e Fondazione Teatro della Toscana
Milano, Teatro Franco Parenti, dal 6 al 29 marzo 2018

www.Sipario.it, 14 marzo 2018

Diament e il suo gioco pericoloso con il destino e il bisogno d'amore degli uomini

La drammaturgia. Se dovessimo scegliere il punto di forza attorno al quale ruota tutto lo spettacolo, diremmo che è il testo di Mario Diament. Lo scrittore argentino ambienta a Buenos Aires una storia in cui fanno da padrone gli intrecci esistenziali di tutti i personaggi fino a un finale inaspettato che ha il sapore di una ricongiunzione sperata. C'è il sole primaverile che riscalda una panchina su cui si incontrano lo scrittore cieco, ma che vede bene con il cuore, Jorge Luis Borges e un bancario in crisi con la propria moglie. Ne nasce una lunga chiaccherata in cui i due si confessano i segreti più intimi fino alla reciproca rivelazione più importante: l'impiegato ha perso la testa per una giovane ragazza, lo scrittore, anche lui, perse la testa per una sua accanita allieva che non ritrovò più nella vita e che poi si scopre essere la madre della ragazza. Quello che segue è un incrocio di destini in cui ogni personaggio cerca se stesso nell'altro fino al rischio di perdersi definitivamente come accade al bancario. L'ammissione alla moglie del suo tradimento è il primo passo verso l'inferno. Diverso sarà l'esito dell'incontro fra lo scrittore e il suo destino che non sveliamo.
Mario Diament si cimenta con gli aspetti più profondi dell'essere umano. La trasposizione in parole di questa operazione ci restituisce la vita nei suoi aspetti più problematici e difficili da affrontare che, spesso, tendiamo a rimuovere: cos'è la felicità? Ci piace il lavoro che facciamo? Siamo contenti del nostro matrimonio? Quali sono le cose che non abbiamo fatto e che avremmo voluto fare? Che spazio ha la passione nella nostra vita? Di tutte queste domande esistenziali è, forse, l'ultima a centrare il tema più rilevante che costituisce il filo rosso di tutto lo spettacolo. Sì, perché la passione, quella d'amore, sembra essere il motore trainante della vita di tutti i personaggi. Un "motore" con cui ci si può scottare fino a bruciare. È su questa doppia valenza simbolica della passione, nel suo ruolo salvifico ma anche distruttivo, che scorrono le parole di Diament. La sua è un'opera interessante che avrebbe solo il difetto di compiere una leggera forzatura nel voler incrociare i destini di tutti i personaggi. Ma a parte questo, il testo di Diament si impone, per le due ore e più della pièce, come protagonista totale al cui servizio si pongono la regia sobria di Ruth Shammah e la bravura degli attori.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Giovedì, 15 Marzo 2018 10:31

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.