venerdì, 03 luglio, 2020
Sei qui: Home / B / BERLINGUER. I PENSIERI LUNGHI - regia Giorgio Gallione

BERLINGUER. I PENSIERI LUNGHI - regia Giorgio Gallione

Berlinguer. I pensieri lunghi Berlinguer. I pensieri lunghi Regia Giorgio Gallione

Testo e regia di Giorgio Gallione
Con Eugenio Allegri
Scene e costumi di Guido Fiorato, Video a cura di Francesco Frongia, Musiche di Paolo Silvestri, Luci di Aldo Mantovani
Collaborazione alla drammaturgia Giulio Costa / monologo finale di Enzo Costa
Produzione Teatro dell'Archivolto in collaborazione con Teatro Stabile di Genova
In scena al Teatro Carignano di Torino il 30 e 31 ottobre 2012
In scena al Teatro dell'Archivolto di Genova dal 9 al 21 novembre 2012

www.Sipario.it, 28 ottobre 2012

La scelta del nero come colore dominante della scena neutralizza la profondità dei praticabili e mette in risalto la centralità spaziale e drammaturgica di due imponenti schermi sui quali scorrono immagini di repertorio: slogan, simboli, volti, luoghi accompagnano il racconto della vita pubblica di Enrico Berlinguer e di un pezzo di storia politica italiana. Alla sinistra del palco un vecchio registratore a bobine è l'unico elemento scenico che dichiara il tempo in cui il racconto ha inizio: è il 1943 e il giovane Berlinguer prende parte a Sassari alla "rivolta del pane".

L'operazione teatrale realizzata da Giorgio Gallione è un tentativo ben riuscito di omaggiare la figura di Enrico Berlinguer, miscelando con sapienza il resoconto degli avvenimenti storici, occorsi nel periodo in cui egli fu militante e in seguito leader del partito comunista italiano, e la riflessione sui suoi "pensieri lunghi": dalla delusione e dallo spaesamento a seguito della scoperta dei gulag al progressivo distacco dalla madre Russia; dal compromesso storico alla questione morale.

Alle parole di Berlinguer si aggiungono quelle di altri grandi statisti e intellettuali comunisti, che ebbero parte nella sua formazione e nella sua condotta politica: il j'accuse di Antonio Gramsci contro gli indifferenti riecheggia dal passato come un'invettiva inascoltata contro la maggioranza degli italiani che ancora oggi non prende posizione, non si ribella, si lascia fagocitare dalla televisione.

Dalle riflessioni di Berlinguer affiora l'aspetto ideologico ma anche quello più squisitamente umano: il riserbo, la sobrietà, il senso di responsabilità e di servizio. Inevitabile arriva il confronto con gli uomini politici di oggi, con cui lo spettacolo si avvia alla conclusione: sui monitor scorrono ritratti impietosi in cui gli sguardi allucinati, i ghigni grotteschi, le pose ridicole e volgari dei nostri parlamentari non hanno bisogno di commento.

Il carisma del personaggio, lo spessore del racconto e la regia dinamica di Gallione non si fondono, tuttavia, con l'interpretazione di Eugenio Allegri. L'elegantissimo tre pezzi grigio scuro imprigiona i movimenti che risultano impacciati; la voce fa fatica a scaldarsi. La drammaturgia intensa e rigorosa che unisce la narrazione di fatti e date all'interpretazione di alti pensieri, pare al servizio dell'attore e non viceversa.

Il monologo finale raccoglie il senso dell'eredità di Berlinguer, oggi più che mai dimenticata: l'onestà e l'umiltà nel servire la cosa pubblica. Lo spettacolo di Gallione si dimostra un buon esempio di teatro che assolve alla sua funzione primigenia di specchio, giudice e memoria storica della società in cui vive.

Marianna Norese

Ultima modifica il Venerdì, 09 Agosto 2013 08:52

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.