venerdì, 03 febbraio, 2023
Sei qui: Home / B / BELLA E LA BESTIA (LA) – regia Marco Zoppello

BELLA E LA BESTIA (LA) – regia Marco Zoppello

"La Bella e la Bestia", regia Marco Zoppello "La Bella e la Bestia", regia Marco Zoppello

testo e regia Marco Zoppello

con Sara Allevi e Giulio Canestrelli

e con Matteo Pozzobon

musica del trio Friedrich Micio

scenografia Alberto Nonnato

ideazione e creazione figure Ariela Maggi

costumi Antonia Munaretti

audio e disegno luci Matteo Pozzobon
in collaborazione con il Festival Meno Alti dei Pinguini

Stivalaccio Teatro
Arezzo – Festival dello Spettatore 2021
Teatro Petrarca 24 ottobre 2021

www.Sipario.it, 26 ottobre 2021

“In molte tradizioni è di prammatica esporre gli archetipi supremi in forma domestica, puerile”. Così Elémire Zolla nel suo bellissimo scritto su Carlo Collodi. E prosegue: “perciò l’Europeo non capì la profondità delle favole che si raccontavano fra le tribù d’Africa e d’America, soltanto ora svelate per sistemi metafisici e cosmogonici”. Il teatro probabilmente è la via più consona per rivelare il significato nascosto d’una fiaba. E la riduzione per le scene de La Bella e la Bestia, fatta dalla compagnia Stivalaccio Teatro, risponde a quest’esigenza di far chiarezza su una storia a tutti nota, rivelandone il segreto così da far imprimere la sua forza archetipica nell’animo del pubblico.
Una scenografia semplice, raffigurante una mensola in legno color verde acqua, a destra della quale troneggia uno Specchio magico. Esso assumerà forma umana, stringendo amicizia con Bella. Costei è una ragazza dalle splendide fattezze, figlia d’un mercante ormai anziano. Ad apertura di sipario, è già in scena. La vediamo dormire e far sogni strani che le rendono l’animo inquieto. Nel bel mezzo della chimera, le appare l’amico Specchio, che le chiederà di raccontare la sua storia, come è finita prigioniera in quel castello vittima di un incantesimo insieme a coloro che lo abitano. Talmente magico è il maniero, che basta desiderare qualcosa perché un cameriere gobbo e dai modi scontrosi compaia in scena uscendo da sotto una credenza con l’oggetto richiesto.
Ma il sogno finisce, Bella deve risvegliarsi. La Bestia, il padrone del castello, sta arrivando e vuole mangiare con la sua ospite, resa prigioniera per via del fatto che il padre di lei si permise di raccogliere una rosa per la figlia nel giardino del maniero.
Spaventata, diffidente, turbata dai modi bruschi della Bestia, Bella finirà per invaghirsene e innamorarsene. Quando il sentimento sarà giunto al culmine, l’orrendo animale perderà le sue parvenze ferine tornando uomo. E il pubblico scoprirà che nei panni della Bestia si celava l’amico Specchio.
Sara Allevi nei panni di Bella si è dimostrata interprete simpatica, vezzosa, a tratti ironica. Nel corso dello spettacolo, si notava la sua preoccupazione di voler divertire il pubblico di bambini, le cui risate schiette risuonavano per il teatro Petrarca di Arezzo. E anche Matteo Pozzobon, vestendo i panni del cameriere burbero e scontroso, si è guadagnato il plauso del pubblico. Discreto Giulio Canestrelli nei panni di Specchio e della Bestia. Costui, talvolta, tendeva a dilatare i tempi recitativi così da rallentare il ritmo della commedia.
La cui chiave di lettura offerta agli spettatori, è stata affidata a una battuta proprio di Specchio: “La paura non è nel mondo, ma nei nostri occhi”. Ciò che vuol dire che mondo e individuo a volte si gabbano a vicenda, lasciando credere che la parvenza sia la realtà.
La Bella e la Bestia questo ci dice di vero: che per attingere alla verità, è necessario trascendere le menzogne che ci siamo raccontati prestandovi cieca fede.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Martedì, 09 Novembre 2021 07:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.