martedì, 19 novembre, 2019
Sei qui: Home / A / AMLETO TAKE AWAY - uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari

AMLETO TAKE AWAY - uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari

"Amleto Take Away", uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari "Amleto Take Away", uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari

uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari
musiche di Davide Berardi e Bruno Galeone
luci di Luca Diani
produzione Compagnia Berardi Casolari/Teatro dell'Elfo
con il sostegno di Gitiesse Artisti Riuniti, Emilia Romagna Teatro Fondazione,
Festival Armunia di Castiglioncello, Comune di Rimini Teatro Novelli

al teatro Filodrammatici, Piacenza, 11 ottobre 2019, Festival L'altra scena

www.Sipario.it, 12 ottobre 2019

Amleto Take Away è uno spettacolo/mondo, è una sintesi di pensiero e sentimento che Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari conducono con poetica spudoratezza. Gabriella Casolari dà l'ok alla tecnica per iniziare... uno scarto fra realtà e finzione che mette in allerta. Il teatro qui parla di sé sesso, l'attore si immola alla poesia e tutto per rincorrere un sogno che altro non è che una visione altra del mondo che viviamo. Tutto questo è nel corpo di Gianfranco Berardi crocifisso a un teatrino mobile, povero cristo dell'arte che non demorde e crede nella visione poetica che regala la scena. Amleto Take Away è virtuosismo d'attore, è confessione impudica, è una drammaturgia dalle parole taglienti – firmata da Casolari – che Berardi infiocchetta con un barocchismo mediterraneo che fa sorridere, commuove, spiazza e diverte.
Berardi nel suo Amleto mette tutto sé stesso: mette la scoperta di essere condannato alla cecità, mette la passione per il teatro, parte da una crisi creativa su cosa fare di questa passione e si concreta nell'omaggio ai suoi maestri con citazioni che intessono l'azione solistica ma non solipsistica dell'attore. La trama dell'Amleto c'è, c'è nella sua sgangherata voglia di vendetta, c'è nel rapporto col padre, c'è nel dialogo amoroso con una Ofelia che è parte di Amleto, c'è nella follia che ti porta a vedere laddove gli altri non arrivano. Non è un caso che in più punti l'attenzione alla visione – da parte dell'attore cieco – si concreti nell'invito a esperire la realtà con il tatto, l'udito, l'olfatto: tutto il monologo è un invito a chiudere gli occhi e concedersi la libertà del buio e di un modo altro di sentire lo spazio, chi ci sta affianco e in fondo il mondo stesso.
In Amleto Take Away l'essere o non essere si trasforma in essere o non facebook, l'apparire e il mostrare sono la follia di questo Amleto da asporto in cui si va dal particolare all'universale con candore e onestà intellettuale. Nel teatro che riflette su di sé ci sono Leo de Berardinis di Totò Principe di Danimarca, c'è César Brie con la sua drammaturgia oggettuale e di memoria; nell'autobiografia di Gianfranco Berardi c'è la determinazione a essere attore, a offrire una visione alternativa del teatro, a fare dell'arte della scena la propria arte, gestendo lo spazio e i movimenti al buio, regalando al pubblico una visione di sé che l'attore percepisce con la sua immaginazione creativa. Nell'Amleto che fa mondo c'è la sofferenza di essere costretti alla prigione nel nostro io narcisistico, c'è la voglia di rompere le catene dell'apparire e dell'esserci per concedersi la libertà dell'autenticità dell'essere veramente. Tutto questo è in Amleto Take Away, un concentrato di volontà di essere e di esistenza che ha guadagnato a Gianfranco Berardi e alla sua potenza espressiva il Premio Ubu 2018 quale migliore attore.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Martedì, 15 Ottobre 2019 17:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.