mercoledì, 23 ottobre, 2019
Sei qui: Home / V / VEDOVA ALLEGRA (LA) - regia Damiano Michieletto

VEDOVA ALLEGRA (LA) - regia Damiano Michieletto

"La vedova allegra", regia Damiano Michieletto "La vedova allegra", regia Damiano Michieletto

Musica Franz Lehár
Operetta in tre atti
Testo di Victor Léon e Leo Stein
Direttore Constantin Trinks
Regia Damiano Michieletto
MAESTRO DEL CORO Roberto Gabbiani

REGISTA COLLABORATORE Eleonora Gravagnola 

SCENE Paolo Fantin

COSTUMI Carla Teti                                             

LUCI Alessandro Carletti

MOVIMENTI COREOGRAFICI Chiara Vecchi
PRINCIPALI INTERPRETI
BARON MIRKO ZETA Anthony Michaels-Moore

VALENCIENNE Adriana Ferfecka

HANNA GLAWARI Nadja Mchantaf

CONTE DANILO DANILOWITSCH Paulo Szot

CAMILLE DE ROSILLON Peter Sonn

RAOUL DE SAINT-BRIOCHE Marcello Nardis

VICOMTE DE CASCADA Simon Schnorr

BOGDANOWITSCH  Timofei Baranov *

SYLVIANE Rafaela Albuquerque *

KROMOW Roberto Maietta

OLGA Irida Dragoti *

PRITSCHITSCH Andrii Ganchuk *

PRASKOWIA Sara Rocchi *

NJEGUS Karl-Heinz Macek
* dal progetto "Fabbrica" Young Artist Program del Teatro dell'Opera di Roma
Orchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Roma
Nuovo allestimento in coproduzione con Teatro La Fenice di Venezia
Roma, Teatro dell'Opera di Roma dal 14 al 20 aprile 2019

www.Sipario.it, 21 aprile 2019

Che resta della Vedova allegra nella regia di Michieletto? La vedova. I suoi soldi. Lo stato di Pontevedro. Ovviamente, i personaggi dell'operetta di Lehár. Il resto: via. Gli scenari originari poco convincevano il regista. Il quale ha così pensato di ambientare le vicende di Hanna e Danilo in una banca. Un credito cooperativo dove ognuno deposita i propri risparmi. In tal modo, le schermaglie amorose, splendida metafora delle acrobazie diplomatiche compiute fra Stati in perenne competizione fra loro, sfumano cedendo il posto a siparietti da musical o da café chantant.
Cimentandosi con l'operetta, le intenzioni di Michieletto sarebbero quelle di mantenere viva l'ironia del genere e di giocare anche con elementi meta-teatrali. Così, prima ancora che il sipario si apra, ecco entrare in scena Njegus, portaborse della banca e deus ex machina che assurge a simbolo dell'amore. A lui si debbono incontri, affetti, infatuazioni, vicende più o meno intrigate. Un modo per rendere l'operetta meno prevedibile e scontata – secondo Michieletto.
Togliendo l'ambasciata a favore della banca – operazione analoga all'eliminazione della locanda nella sua versione del Viaggio a Reims –, il giovane regista veneto intende porre l'accento sull'egemonia finanziaria che predominano l'Europa e l'Occidente del nostro tempo. Dove sono i mercati a decidere le sorti dei cittadini, del loro lavoro, del loro benessere. In tal modo la vedova Hanna assurge a metafora dei tanti speculatori ora in circolazione, le cui risorse fan gola a chiunque. Non v'è Stato che non necessiti di finanziamenti cospicui per non finire in bancarotta e rinverdire le sorti della sua economia interna. Per questo il direttore Zeta cerca di combinare il matrimonio fra il pigro Danilo e Hanna: affinché quest'ultima depositi i suoi averi nelle casse della banca di Pontevedro, così evitando il dissesto dello Stato.
Fra dialoghi che intermezzano le varie arie, can-can, boogie-woogie, ambientazioni da fine anni Cinquanta, Michieletto non dipinge una società da belle époque dove l'ipocrisia è stemperata in un'apparenza d'impeccabile eleganza. Bensì una dolce vita in cui lascivia, spensieratezza e agiatezza da boom economico regnano sovrani. E l'ironia, la raffinata severità tipiche degli artisti del Finis Austriae nel criticare il mondo in decadenza cui appartenevano: dove sono?
Discreti e non del tutto efficaci gli interpreti. Nadja Mchantaf (Hanna) ha conferito al suo personaggio movenze da donna vezzosa e pettegola. Paulo Szot ha interpretato il suo Danilo in chiave vittoriana, rendendolo poco ironico e men che meno giuggiolone. Le vocalità di entrambi: precise, ben intonate ma non ricche di armonici nel passaggio dei vari registri.
Buona la direzione d'orchestra di Trinks in grado di sottolineare l'ironia, il sarcasmo ed i virtuosismi di Lehár. Aspetto, quest'ultimo, positivo in una regia non così entusiasmante nell'intento di voler trasformare l'operetta in un musical moderno.
Ma perché tutto questo?

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Lunedì, 22 Aprile 2019 09:31

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.