martedì, 13 aprile, 2021
Sei qui: Home / T / TURANDOT - regia Maurizio Scaparro

TURANDOT - regia Maurizio Scaparro

Turandot Turandot Regia Maurizio Scaparro

di Giacomo Puccini
direttore: Alberto Veronesi / Giuseppe Acquaviva
regia: Maurizio Scaparro, scene: Ezio Frigerio, costumi: Franca Squaricapino
con Francesca Patanè, Francesco Hong, Donata D'Annunzio Lombardi
Festival Puccini
Torre del Lago, Gran Teatro, dal 11 al 23 luglio 2008

Avvenire, 13 luglio 2008
Scaparro esalta il fasto di Turandot

L' utima opera di Puccini, l'incompiuta Turandot, è stata la prima ad essere rappresentata nel nuovo teatro all'aperto di Torre del Lago. Un test prima ancora che un evento: la verifica che tutto funzioni a dovere nel nuovo tempio pucciniano, soprattutto da un punto di vista acustico. Il «Vincerò» di Calaf e un «Viva Puccini» gridato da uno spettatore nella breve pausa voluta da Alberto Veronese sul podio fra le ultime note scritte dal musicista ed il finale composto da Alfano, sono la sintesi piuttosto ottimistica della serata. Le perplessità sorte un mese fa dall'ascolto del concerto inaugurale diretto da Chailly sembrano ridimensionate se non del tutto scomparse, e ci sembra che valga quanto argomentato allora, e cioè che collocata l'orchestra nel golfo mistico anziché in palcoscenico, come quella sera, di grossi problemi acustici si può anche non parlare.
E allora veniamo all'evento: ché tale può definirsi questa messa in scena, sia per la fastosa cornice sia per l'impegno messo dagli interpreti delle componenti musicale e visiva dello spettacolo. Una Turandot nel segno della tradizione, ma nel senso meno scontato del termine. La regia non immaginava la solita fiaba in cui un esotismo di maniera la fa da padrone, ma un sogno evocatore di quello che Puccini definiva «un travaso d'amore». È la linea che Maurizio Scaparro s'è imposto e ha realizzato con mano sicura avvalendosi, anzi facendo leva sul raffinato impianto scenografico di Ezio Frigerio e sugli splendidi costumi di Franca Squarciapino. Slanci, luci, colori che non sempre sono affiorati nella condotta richiesta da Alberto Veronesi all'orchestra, a cui ha forse imposto tempi più lenti del consentito, non al punto comunque di giustificare qualche ingenerosa contestazione di alcuni spettatori. Molto applauditi invece i cantanti, che nel complesso hanno soddisfatto. Uno di loro anzi ha entusiasmato il pubblico. È il coreano Francesco Hong (Calaf), un tenore che ha scansioni svettanti e una forza piena di mordente. Francesca Patanè ( Turandot) è imperiosa come vuole il personaggio e possiede un registro acuto notevole, ma non sempre lo raggiunge con lucentezza e fluidità. Apprezzati i lineamenti angelicati di Donata D'Annunzio Lombardi (Liù).

Virgilio Celletti

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 11:17
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.