venerdì, 19 luglio, 2024
Sei qui: Home / T / TESORI DELLA PIETÀ (I) - a cura del Conservatorio di Cremona “Claudio Monteverdi” 

TESORI DELLA PIETÀ (I) - a cura del Conservatorio di Cremona “Claudio Monteverdi” 

"I tesori della pietà", a cura del Conservatorio di Cremona “Claudio Monteverdi”  "I tesori della pietà", a cura del Conservatorio di Cremona “Claudio Monteverdi” 

CAPOLAVORI NOTI E SCONOSCIUTI DA VIVALDI A FURLANETTO
Musiche di A. Vivaldi, B. Furlanetto 
GLI ANIMOSI DEL MONTEVERDI
a cura del Conservatorio di Cremona “Claudio Monteverdi” 
Valerio Losito  maestro concertatore al violino
Giuseppe Caffi  maestro del coro
Ridotto del Teatro Ponchielli, Cremona 20 giugno 2024

www.Sipario.it, 30 giugno 2024

Il concerto I tesori della pietà ha accostato due autori legati dallo stesso incarico, maestro del coro all’Istituto Santa Maria della Pietà di Venezia. Il programma proposto da Gli Animosi del Monteverdi, un ensemble strumentale formato dagli allievi del Conservatorio di Cremona diretti dal maestro concertatore al violino Valerio Losito, raccoglie musica scritta specificatamente per le soliste e il coro dell’Istituto, composte da Antonio Vivaldi e Bonaventura Furlanetto, i due maestri che ebbero l’incarico più duraturo all’interno dell’Istituto. Questo concerto rappresenta i colori timbrici tipici della Venezia barocca e tipici dell’esecuzione dell’Orchestra della Pietà. La prima parte del concerto è stata dedicata a Bonaventura Furlanetto, di cui si sono ascoltati la Sinfonia dall’oratorio Absalonis rebellio, seguita da altri esempi di musica sacra (il Libera me dal Miserere mei Deus (Salmo 50), il Quoniam si voluisse e il Sacrifitium) di grande suggestione drammatica, interpretati dalle voci soliste dei promettenti studenti del Conservatorio: il soprano Valentina Brianti, il contralto Midori Kamishima e il pregevole sopranista Marco Faversani. La seconda parte, dedicata ad Antonio Vivaldi e al suo opus RV 611, ultima versione (1739), inizia con il canto gregoriano, antifona al Magnificat, Hodie egressa est,  che Marco Faversani intona con timbro purissimo. La RV 611 introduceva cinque arie più elaborate in cui le ragazze dell’orfanotrofio, i cui nomi sono annotati nella partitura, potevano mostrare le loro abilità. In questa bellissima sequenza si è ben inserito il coro degli allievi, guidati sapientemente dal Maestro Giuseppe Caffi, che ha dato una lettura di grande impatto di queste partiture.

Giulia Clai

Ultima modifica il Martedì, 09 Luglio 2024 21:32
Altro in questa categoria: « TURANDOT - regia Valentina Carrasco

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.