mercoledì, 18 settembre, 2019
Sei qui: Home / M / MADAMA BUTTERFLY - regia Stefano Vizioli

MADAMA BUTTERFLY - regia Stefano Vizioli

Madama Butterfly Madama Butterfly Regia Stefano Vizioli. Foto Parenzan

di Giacomo Puccini
direttore: Daniel Oren
regia: Stefano Vizioli, scene: Aldo Rossi, costumi: Anne Marie Heinreich, disegno luci: Franco Marri
con Amarilli Nizza, Francesco Franci, Anastasia Boldreya, Marco Berti
Orchestra e Coro del Teatro dell'Opera di Roma
Roma, Teatro dell'Opera, dal 18 al 27 maggio 2010

Il Messaggero,  22 maggio 2010

"Madama Butterfly" al Teatro dell'Opera

In conseguenza dello sciopero contro il decreto di riforma delle Fondazioni liriche che ha fatto saltare la "prima" di Madama Butterfly, la prima replica del capolavoro pucciniano al Teatro dell'Opera, quella di mercoledì, è diventata il debutto. Prima dell'inizio, il rifiuto del decreto da parte dei lavoratori è stato ribadito con la lettura di un comunicato. Il pubblico ha applaudito compatto. E la serata si è svolta in tranquillità, una tranquillità che non deve far dimenticare che i problemi restano e vanno risolti.

Lo spettacolo è quello, collaudato e piacevole, con le scene dell'architetto Aldo Rossi, spettacolo nato a Bologna e già applaudito a Roma nel 2002: una grande struttura a tre piani collegati da scale; in alto, la bandiera americana e quella giapponese. Il Giappone delle geishe, dei fiori, delle movenze gentili c'è ma stilizzato con gusto, non oleografico. Il regista Stefano Vizioli, evitando bozzettismo e leziosità, mette al centro dell'azione Cio-Cio San con i suoi momenti di sconforto, i suoi lampi di vita, e con il sacrificio finale.

E Butterfly, nella recita dell'altra sera con il secondo cast, era la cinese Xiu Wei Sun, brava attrice-cantante, voce non eccezionale ma puntuale, che non ha molti colori ma ti lascia il ricordo di frasi ben declamate ("Mai più danzar! Piuttosto la vita troncar!"; "Vo'che mi veda indosso il vel del primo dì"). Applaudito "Un bel dì vedremo". Ci si aspettava di più da Neil Shicoff. Il famoso tenore americano ha un passato d'intelligente artista ma la voce è attempata: un Pinkerton corretto ma stentoreo e con poche sfumature, il suo. Forse nelle altre repliche sarà più convincente. Accorato e di spessore lo Sharpless di Alberto Mastromarino; tra i minori, da segnalare il Goro di Mario Bolognesi e il commissario di Angelo Nardinocchi.

Daniel Oren aveva diretto qui Butterfly nel 1990 lasciando qualche perplessità: adesso, invece, nella sua interpretazione le tinte forti e i tempi rapidi non ostacolano i momenti "di conversazione"; e oggi come ieri il maestro mette in risalto l'aderenza dello strumentale ai trapassi psicologici dei personaggi. Bene coro e orchestra.Al termine cinque minuti di applausi cordiali per tutti. C'erano i sopratitoli italiani, sempre utili: però si scrive querce, non quercie. Si replica fino a venerdì 28 con diversi cast.

Alfredo Gasponi

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Luglio 2013 10:17
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.