lunedì, 14 ottobre, 2019
Sei qui: Home / M / MEFISTOFELE - regia Giancarlo Del Monaco

MEFISTOFELE - regia Giancarlo Del Monaco

Mefistofele Mefistofele Regia Giancarlo Del Monaco

di Arrigo Boito, Direttore: Stefano Ranzani
Regia: Giancarlo Del Monaco, Scene: Carlo Centolavigna, Costumi: Maria Filippi, Coreografia: Cesc Gelabert, Luci: Wolfgang von Zoubek
Interpreti: Ferruccio Furlanetto, Giuseppe Filianoti, Dimitra Theodossiou, Sonia Zaramella, Mimmo Ghegghi, Monica Minarelli.
Orchestra, Coro, Corpo di Ballo e Coro di Voci Bianche del Teatro Massimo.
Maestro del Coro: Miguel Fabián Martínez, Maestro del Coro di voci bianche: Salvatore Punturo. Nuovo allestimento.
Teatro Massimo di Palermo. Palermo 2008

www.Sipario.it, 13 febbraio 2008

Dopo quarant’anni dall’ultima messa in scena, il Teatro Massimo di Palermo toglie la polvere dal Mefistofele, l’operona di Boito il cui cammino è costellato di critiche non sempre del tutto giustificate secondo cui, in sostanza, questi quattro atti con prologo ed epilogo sarebbero il faticoso frutto, ipertrofico musicalmente e verbalmente, di una specie di genialoide Wagner dei poveri.
Ma allora, perché il Mefistofele continua ad avere una sua pur non frequente presenza nei cartelloni ed è sempre ben accolto dal pubblico? Sarà grazie all’enorme teatralità del soggetto, al gran numero di “pezzi” celebri, al formidabile ruolo protagonistico del Maligno o perché, invece, tutto sommato, depurata da palesi compiacimenti ed enfatiche ridondanze, la partitura svela anche una sua validità melodico-tematico-compositiva evidente, ad esempio, nel felicissimo e sapiente Prologo, ma non solo lì?
Certo, per le voci la prova è ardua: per il basso la parte è estremamente impegnativa e faticosa, ma Ferruccio Furlanetto, agile, insinuante, bizzarro quanto basta, del suo Mefistofele ha fatto vocalmente e scenicamente una creazione magistrale. Ottima anche la prova di Dimitra Theodossiou, convincente sia nel commosso canto di Margherita sia nelle acutissime asperità della seduttrice Elena di Troia. Faust era Giuseppe Filianoti, bravo come al solito, ma forse un po’ al di sotto del suo abituale ed eccellente standard. Corretti negli altri ruoli Sonia Zaramella (Marta), Monica Minarelli (Pantalis), Mimmo Ghegghi (Wagner) e con piacere segnaliamo anche la bella prova offerta dai protagonisti del secondo cast, con il basso Askar Abdrazakov, il soprano Alessandra Rezza e il tenore Walter Fraccaro.
Dirigere una partitura così monumentale e di così sfrontato edonismo orchestrale e vocale (oltre che lessicale), abilmente controllando e fondendo le variegate linee corali ed esaltando gli accenti ritmici e timbrici pur in una lettura improntata alla tradizione esecutiva, è un risultato senz’altro soddisfacente, ben raggiunto dal maestro Ranzani a capo della disciplinata orchestra e delle masse corali del teatro.
Per ciò che concerne regia e allestimento, pur diffidenti in genere verso gli stravolgimenti così di moda e non di rado così inutili o peggio, concordiamo qui e per quest’opera con le scelte del regista Giancarlo Del Monaco che, anche se con qualche eccesso, ha preso per così dire ….il diavolo per le corna: via la compassata animazione nella piazza di Francoforte, sostituita da una coloratissima festa paesana anni ’30 con tanto di giostra, trampolieri e clown; ridotti all’essenziale lo studio di Faust e il giardino di Margherita; trasformato in una sorta di tetro e orgiastico “Rocky Horror Picture Show” (definizione del regista) il Sabba romantico mentre, in giusto contrasto, di estrema nudità è la scena della morte di Margherita che, raccogliendo le ultime forze, sale a fatica lungo i pioli di una grande Croce metallica (ricordo di uno show di Madonna?) e,allargando le braccia, spira. Un tripudio di policrome luci al neon: rutilanti scritte dicono Las Vegas, Hotel Zeus, Venus Hotel, Caesar’s Palace, Troy Show, Casino, Bingo: questo è il Sabba classico di Del Monaco e del bravo scenografo Carlo Centolavigna, senza pallidi efebi e luci smielate ma con una enorme  conchiglia rosa che si apre svelando all’interno gli amori saffici di Elena e Pantalis. Il tutto coronato da spiritose e parodistiche coreografie di Cesc Gelabert.
Forse la scena più bella era però quella del Prologo in cielo: un enorme imbuto al termine del quale c’è una luce accecante. In primo piano Mefistofele con la sua sfida e su tutto, invisibile e imponente, il composito coro celeste. Grande successo.

Lucio Lironi

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 09:10
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.