giovedì, 17 ottobre, 2019
Sei qui: Home / G / GIOCATORE (IL) - regia Dmitri Tcherniakov

GIOCATORE (IL) - regia Dmitri Tcherniakov

Il Giocatore Il Giocatore Regia Dmitri Tcherniakov

Regia, scene e costumi Dmitri Tcherniakov
Milano, Teatro alla Scala, dal 16 al 30 giugno 2008

Il Giornale, 18 giugno 2008
Panorama, N. 27 2008
Che immane fatica seguire «Il giocatore»<

Dopo una dozzina d'anni, Il giocatore di Prokofiev è tornato alla Scala: come mai? Altre opere di valore indiscusso e popolari mancano da tanto maggior tempo, e anche volendo titubare ad affrontare il repertorio nostrano, che offre più rischi ai cantanti e ai registi, se ne trovano tante. Certo, se si dà la precedenza alla salvezza dell'Opera di Stato di Berlino, in accordo con Daniel Barenboim, investendo in coproduzioni, non c'è molto da stupirsi.
Ad ogni modo, eccoci qui, con un altro bel successo e uno spettacolo professionale. Ne riferisco un po' a fatica. La vicenda è tratta da Dostoevskij, in un albergo-casinò tutti s'indebitano e si avviliscono, una vecchia ricchissima a dispetto degli eredi non muore e perde tutto al gioco, una donna fascinosa e complicata non sa come restituire una somma ed un giovane passionale che l'ama va ispirato alla roulette ed altri tavoli, stravince, arriva da lei pieno di soldi-omaggio e lei glieli butta in faccia senza dirgli perché. Avevo nel ricordo l'edizione diretta da Valery Gergiev con l'ariosa ed essenziale regìa di George Tsypin e tutto mi tornava alla memoria rapido, bruciante.
Questa volta, malgrado il direttore prestigioso Barenboim ed il regista di grande autorevolezza e capacità Dmitri Tcherniakov, anche scenografo e costumista, l'opera mi pareva non finire più e la fatica per seguirla si faceva sentire. C'era molta coscienza, in quell'orchestra di cui erano ben marcate le differenze di tempi e di peso, e in cui la frenesia era così bene ostentata, e il canto procedeva con coerenza, nelle voci di una compagnia consapevole e assortita con una certa attenzione. Ma non trovavo la sfrontata incessante imprendibilità che mi sembra la ragione della partitura: venire divorata dai fatti e dominata dall'assurda passione per il gioco e il denaro prima che ce ne si possa chiedere il senso. E in scena quegli ambienti postmoderni disposti suggestivamente in porzioni di palcoscenico, quei costumi stucchevolmente odierni, e quel voler esprimere le agitazioni interiori con balzi e rotolii, pur eseguiti da manuale, mi facevano legger molto poco nell'intimo dei personaggi e nelle ragioni dei fatti o cogliere la beffa d'una superiore ironia.

Lorenzo Arruga

La Scala vince alla roulette russa

Una volta si diceva: che scommessa, al Teatro alla Scala, presentare un'opera straniera fuori repertorio. Adesso invece farlo (a patto di farlo bene) è quasi un'anestesia, contro i rischi dell'eventuale insuccesso. Avete mai sentito d'un Sergeij Prokofiev o un Leos Janacek fischiati alla Scala? E dunque registriamo il successo della pur poco invitante opera di Prokofiev Il giocatore, che il serioso e prestigioso direttore Daniel Barenboim si prende il lusso di portare da Berlino in coproduzione, malgrado una recente esecuzione milanese certo non inferiore.

Applaudiamo con calma la vicenda dostoevskijana su gioco, pazzia e infelicità, che Kristine Opolais, Misha Didyk, Stefania Toczyska e gli altri offrono con intensa passionalità vocale e motoria, messi dal pur abile regista Dmitri Tcherniakov in un lucido e noioso albergo d'oggi, che sarebbe come ambientare il can-can fra i cubisti d'una discoteca o promettere un viaggio sull'Orient Express e prenotare un Eurostar.

Lorenzo Arruga

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:43
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.