sabato, 04 dicembre, 2021
Sei qui: Home / G / GUERRE ET PAIX - regia Calixto Bieito

GUERRE ET PAIX - regia Calixto Bieito

"Guerre et Paix", regia Calixto Bieito "Guerre et Paix", regia Calixto Bieito

Opéra de Sergueï Prokofiev

Livret du compositeur et de Mira Mendelssohn d’après le roman de Léon Tolstoï

Créé en 1946 à Saint-Pétersbourg

Pour la première fois au Grand Théâtre de Genève

Co-production avec l’Opéra d’État hongrois
Direction musicale Alejo Pérez

Mise en scène Calixto Bieito

Scénographie Rebecca Ringst

Costumes Ingo Krügler
Lumières Michael Bauer

Vidéos Sarah Derendinger

Dramaturgie Beate Breidenbach

Direction des chœurs Alan Woodbridge

Prince Andreï Bolkonski Björn Bürger

Prince Nikolaï Bolkonski Alexey Tikhomirov

Princesse Maria Bolkonski Liene Kinca

Comte Ilia Rostov Eric Halfvarson

Natasha Rostova Ruzan Mantashyan

Sonia, sa cousine Lena Belkina

Comte Pierre Besoukhov Daniel Johansson

Comtesse Hélène Besoukhova Elena Maximova

Maria Akhrossimova Natascha Petrinsky

Anatole Kouragine Ales Briscein

Dolokhov Alexey Shishlyaev

Général Koutouzov Dmitry Ulyanov

Napoléon Bonaparte Alexey Lavrov

Colonel Denisov Alexander Roslavets

Platon Karataïev Alexander Kravets

Gavrila Alexei Botnarciuc

Chœur du Grand Théâtre de Genève
Orchestre de la Suisse romande
Grand Théâtre de Genève dal 13 al 19 settembre 2021

www.Sipario.it, 9 ottobre 2021

«Tutto il mondo si divide per me in due metà: una, lei, e lì tutto è felicità, speranza, luce; l’altra metà, dovunque non è lei, e lì tutto è sconforto e tenebra». Nel celeberrimo romanzo di L. Tolstoj con tali parole il principe Andrej Bolkonskij confidava all’amico Pierre Bezouchov il suo amore per la giovane Nataša Rostova. Un sentimento travolgente, che nell’inconciliabilità di fondo della guerra e della pace era destinato ad accendersi ed esaurirsi.

“Guerra e Pace” di Prokofiev è un’opera complessa, lenta ed eroica. L’impresa di traduzione musicale e scenica del capolavoro di Tolstoj è ancor più apprezzabile se si tiene conto dell’epoca nella quale fu composta. Creata a Leningrado nel 1946, la versione definitiva in tredici quadri ed epilogo fu realizzata al Bolshoi di Mosca solo nel dicembre 1959, preceduta nel 1953 da una fortunata rappresentazione (cantata in italiano) al Maggio Musicale Fiorentino, diretta dal maestro Artur Rodziński, con interpreti quali Ettore Bastianini, Rosanna Carteri e Franco Corelli. Solo pochi mesi fa invece, nel luglio 2021, per celebrare i centodieci anni dalla nascita del compositore e librettista Gian Carlo Menotti, il pubblico italiano ha potuto rivivere sulle reti RAI l’opera di Prokofiev nell’allestimento del 1999 per il “Festival dei Due Mondi” di Spoleto, con la regia del Menotti e di Roman Hurko, e la direzione musicale di Richard Hickox.

Fra gli interessanti elementi di questa versione ginevrina di “Guerre et paix” è la Mise en scène firmata da Calixto Bieito, direttore del Teatro Arriaga di Bilbao dal 2017. Ben restituisce l’immagine dell’aristocrazia zarista assisa nelle proprie convenzioni e restia ai cambiamenti il sontuoso salone rococò nel quale, in apertura di spettacolo, gli attori appaiono coperti da lunghi teli traslucidi, che lasciando solo velatamente riconoscere i personaggi restituiscono il sentimento di una società impolverata e ormai decadente. Un pari sentimento di disfacimento emerge quando l’intera scena si trasforma e con le sue pareti scomposte sembra cadere a pezzi, così come quando, nel secondo atto, gli attori costruiscono un modellino di palazzo per poi distruggerlo con le loro stesse mani. Un effetto straniante e foriero di angoscia è ricercato mediante alcune proiezioni video, nelle quali sequenze di volti distorti si alternano a immagini di nascita o altre tratte dalla natura; ad avviso di chi scrive, questo supplemento scenico non era necessario alla narrazione, essendo già ben modulato dalla partitura musicale di Prokofiev.

Accanto ad un’esecuzione orchestrale precisa e intensa, parole di merito per la performance vocale sono da rivolgere anzitutto ai due protagonisti: Ruzan Mantashyan con la sua presenza anima una vivace e irresistibile Nataša, giovane donna capricciosa e passionale; Björn Bürger veste meravigliosamente il ruolo del principe Nikolaj, restituendoci l’immagine di un uomo dal carattere complesso ma in fondo fragile, di cui, alla fine, non si può che piangere con commozione la sventurata morte.

Questa produzione, alla sua prima rappresentazione al Grand Théâtre de Genève, merita di essere valutata positivamente, non solo per il manifesto entusiasmo del pubblico in sala e il diffuso plauso della critica, ma anche e anzitutto per la raffinata scelta della sovrintendenza artistica del Teatro. Proporre in apertura di stagione un titolo operistico impegnato e di rado sulla scena internazionale è certo un atto di coraggio. Interpretabile come un desiderio di riscoperta della tradizione musicale, essa si carica forse anche di un valore catartico, poiché la riappropriazione dei luoghi fisici del Teatro e della meraviglia che ivi si realizza dopo un devastante silenzio è essa stessa, simbolicamente, un tableau di una contemporanea “Guerra e Pace”.

Selene I.S. Brumana

Ultima modifica il Giovedì, 14 Ottobre 2021 04:06

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.