martedì, 24 novembre, 2020
Sei qui: Home / C / CONSOLE (IL) - regia Walter Le Moli

CONSOLE (IL) - regia Walter Le Moli

Il Console Il Console Regia Walter Le Moli

di Gian Carlo Menotti
direzione orchestrale: Mark Springer
regia: Walter Le Moli
scene: Tiziano Santi, costumi: Vera Marzot
interpreti: Raffaella Angeletti, Vladimir Stoyanov Ursula Ferri, Stefanie Irànyi, Mark Milhofer, Patrizia Porzio, Elena Berera, Monica Minarelli, Marcello Lippi, Panajotis Iconomou, Enrico Marabelli
Torino, Teatro Regio 2007

www.Sipario.it, 2007

Con un’ovazione all’autore novantacinquenne presente in sala e con molte chiamate il “Regio” di Torino ha approvato Il Console di Gian Carlo Menotti. A cinquantun anni dalla “prima” americana, l’opera rappresenta lo sforzo drammatico più impegnativo di Menotti, parole e musica. Era una storia capace di toccare nervi scoperti. In un paese europeo indeterminato e immaginario la moglie di un cospiratore per la libertà tenta invano di avere il visto per emigrare in un altro stato che si dice libero per raggiungere il marito. La circondano una burocrazia spietata (una agghiacciante Segretaria), la collusione dell’inavvicinabile console con la polizia politica, altri dolori (una madre e un bambino malato e infine morto), le pressioni di un agente, l’arresto del fuggiasco, per arrivare al suicidio di lei con il gas.
Non bastassero i fatti nudi della vicenda, Menotti vi intreccia momenti ad effetto, come gli interventi di un illusionista ipnotico, allucinazioni, contrasti patetici; infine, mentre la protagonista è ormai esanime, ci ossessiona il telefono che continua a squillare invano. Il vecchio grand-opéra aveva insegnato che nell’opera, se opera vuol essere, occorre sommare emozioni e suggestioni. Opera è, senza dubbio, Il Console. Non solo perché si canta - e con impegno - e perché suona un’orchestra.
Menotti conosce a fondo la storia del melodramma (e un tantino anche del musical) da Monteverdi ai tempi suoi e nostri; sa muovere bene le voci e le famiglie orchestrali. Passano richiami, a volte riconoscibili e forse voluti, da Mussorgskij a Puccini, a Strawinsky, a Prokofiev.
Al “Regio” lo spettatore è coinvolto da un tutto dove la bacchetta di Mark Springer sa far ascoltare la musica in funzione del teatrante Menotti e della sua storia, con Raffaella Angeletti (Magda), soprano palpitante e svettante padrona della scena, il baritono Vladimir Stoyanov (il fuggiasco), il contralto Ursula Ferri (la madre) e Stefanie Irànyi, insensibile nemica burocratica eppur sexy, efficacissima segretaria; il versatile e colorito illusionista Mark Milhofer. Ma un “bene gli altri” non basta, per la prestazione tutta a intarsio di Patrizia Porzio, Elena Berera, Monica Minarelli, Marcello Lippi, Panajotis Iconomou, Enrico Marabelli.
Nudo e ostile è anche l’ambiente scenico ideato da Tiziano Santi per la regìa di Walter Le Moli, ossessiva e pur varia, con i costumi di Vera Marzot. Anche l’esser cantato nell’originario inglese con traduzioni proiettate sembra dar mano a creare un clima speciale. E’ tutta comunicazione, e al “Regio” se ne è avuta molta.

Alfredo Mandelli

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 11:04
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.