venerdì, 19 luglio, 2024
Sei qui: Home / C / CONCERTO DEL 7 GIUGNO, TEATRO MASSIMO - direzione Gabriele Ferro

CONCERTO DEL 7 GIUGNO, TEATRO MASSIMO - direzione Gabriele Ferro

Salvatore Punturo. Foto Franco Lannino Salvatore Punturo. Foto Franco Lannino

Concerto del 7 giugno 2024 tenutosi al Teatro Massimo 
Direzione Gabriele Ferro
Orchestra e coro del teatro Massimo diretto da Salvatore Punturo

www.Sipario.it, 17 giugno 2024

Comincio questo mio reportage  del concerto al  Teatro Massimo di Palermo il 7 giugno partendo dal fondo cioè dal calorosissimo applauso con standing ovation che ha accolto  il programma scelto e diretto dal Maestro Gabriele Ferro  nonché direttore musicale onorario del Massimo.
Era l’ultimo concerto in programma prima dell’estate con l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo  diretto da Salvatore Punturo. 
Il programma è un menù di prelibatezze dei tre protagonisti assoluti della musica romantica, un volo notturno per una sera di prima estate : Schubert, Schumann e Beethoven.
Ad aprire il concerto  è la Sinfonia in si minore n. 8 “Incompiuta”, forse il più celebre capolavoro sinfonico di Franz Schubert dall'indimenticabile tema e di cui esistono solo i primi due movimenti Allegro moderato e Andante con moto, mentre del terzo movimento Scherzo rimangono solo 128 battute. L’Incompiuta si distingue per la sua forma innovativa, più libera, che non era quella della sinfonia classica da Haydn a Beethoven ma “un poema sinfonico ante litteram” – come afferma   Ferro che la esegue senza una pausa tra il primo e secondo movimento. Composta nel 1822 l’Incompiuta venne eseguita per la prima volta nel 1865, 40 anni dopo la morte precoce di Schubert. 
Una composizione  di soli nove minuti per coro e orchestra, di rado eseguita, ha continuato il discorso  con la scrittura di Robert Schuman intrecciata ad un lied di Friedrich Hebbel il Nachtlied op.108, un toccante mottetto per coro misto a otto voci e orchestra, che descrive il passaggio dalla vita alla morte. “In nove minuti – dice Gabriele Ferro - c’è tutta la vita di un essere umano: la nascita, il vissuto, l’energia e il lento avvicinarsi dell’eterno sonno. Nell’esecuzione si percepirà una sempre ulteriore lentezza e le ultime misure saranno estremamente rallentate e in pianissimo”. 
Impeccabile l'esecuzione del coro ha creato profonda emozione e vale la pena di riportare  qui il testo tradotto del lied di Hebbel, poeta e drammaturgo, maestro del realismo drammatico, che è animato da una visione tragica riconducibile, oltre che alle sue personali esperienze, all'influsso di Schopenhauer e che è una somma sublime dello spirito notturno, dove la notte richiama la fusione dell'umano con l'universo e che fu uno dei tratti dominanti del romanticismo che era già tutto in  Inni alla Notte del suo predecessore Novalis.

Nachtlied di F. Hebbel

"Notte che sgorga e si effonde,
piena di luci e di stelle:nell'eterna distanza, dimmi
che cosa si è destato?
Il cuore è serrato nel petto:
una vita che cresce e declina,
sento muoversi gigante
che sopprime la mia.

Sonno, ti avvicini leggero,
come la balia al bimbo,
e intorno alla fiamma sottile
giri in cerchio protettore.

Dopo la vibrante immersione corale ha chiuso il concerto  un’opera della maturità artistica di Ludwig van Beethoven composta nel 1812, la Sinfonia n. 8 in Fa maggiore op. 93, fra le meno eseguite e ascoltate tra le sue sinfonie, che si distingue per la preziosità della fattura strumentale e la breve durata (ventisei minuti in tutto). 
“È un luogo comune dire che l’Ottava Sinfonia sia un momento di pausa creativa e riflessione – conclude il Maestro Ferro - un ritorno quasi al classicismo di Haydn: non è vero. Solo il secondo movimento ha un carattere leggero, scherzoso: infatti Beethoven gioca imitando il metronomo come omaggio al suo inventore Mälzel. Ma il primo ed il quarto movimento sono molto intensi e drammatici. Nel terzo poi, se suonato calmo, pesante e non affrettato (soprattutto nel Trio) si avverte già la poetica di Brahms”.
Con tanta bellezza, perfezione esecutiva ed emozione il pubblico si è congedato dalla stagione concertistica esprimendo il massimo plauso e affetto al Maestro Ferro e non credo potesse esserci migliore passaggio all'estate.
Grazie Maestro Ferro e grazie all'orchestra e al coro del Teatro Massimo per questo dono notturno che porteremo nel sole dell'estate.

Valeria Patera

Ultima modifica il Venerdì, 21 Giugno 2024 20:52

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.