venerdì, 22 novembre, 2019
Sei qui: Home / B / BARBIERE SEVIGLIA (IL) - regia Lorenzo Amato

BARBIERE SEVIGLIA (IL) - regia Lorenzo Amato

Il barbiere di Siviglia Il barbiere di Siviglia Regia Lorenzo Amato

di Gioachino Rossini
direttore: Daniel Oren
regia: Lorenzo Amato
scene e costumi: Alfredo Troisi
con Francesco Meli, Bruno Praticò, Elena Belfiore, Franco Vassallo, Lorenzo Regazzo, Angelo Casertano, Alberto Cammarota, Francesca Franci, Carlo Striuli
Orchestra Filarmonica Salernitana, Coro del Teatro dell'Opera di Salerno
Salerno, Teatro Verdi, 8, 10, 17 maggio 2010

Il Mattino, 12 maggio 2010
Con Oren il «Barbiere» entusiasma il Verdi

E alla fine anche la cagnetta di Bartolo-Praticò finisce in scena. Un vezzo riservato ai grandi, certo, che però strappa qualche applauso in più. Tutto esaurito per «Il Barbiere di Siviglia» firmato da Daniel Oren per la stagione del teatro Verdi di Salerno. Cagnette a parte, anche con un titolo come il «Barbiere» dove tutto o quasi potrebbe essere scontato, le variabili sono tante che gli spunti nuovi ed originali non sono mancati in questa nuova produzione salernitana. Bruno Praticò riprende, com'è giusto, il suo Bartolo da manuale destinato a fare storia; nella parte del dottore ci guazza, «sei un mito» gli gridano da un palco, e l'artista gigioneggia compiaciuto in tutta la sua grandezza. La regia di Lorenzo Amato, d'altra parte, rispettosa del testo e forte delle scene e costumi di Alfredo Troisi, gli lascia ampi spazi. Sul piano della novità, certo, appare più interessante il Figaro di Franco Vassallo, un artista che dimostra così una straordinaria versatilità di attore ed interprete a tutto tondo: il suo è un barbiere vitale e brillante che si conquista sul campo le simpatie della platea. Vicino a lui squilla il rispettabilissimo Almaviva di Francesco Meli; forse non è il prototipo di tenore leggero rossiniano, le sue agilità sono fin troppo solide e corpose, ma in compenso la sua voce ha ottima tempra e potenza, ancorata a solide basi, e l'artista risolve poi complessivamente bene certi impacci della recitazione. La cronaca deve registrare poi il divertente Don Basilio di Lorenzo Regazzo, che pur nel solco della tradizione, dà vita a un personaggio dai tratti nuovi e originali, vocalmente pregnante e personale sul piano della recitazione. Voce rossiniana appare certo quella di Elena Belfiore, nel senso di garbo, chiarezza, agilità: la sua Rosina possiede note chiare interessanti e le agilità appaiono cautamente calibrate; la sua recitazione, sempre gradevole in scena, si colora di sapide civetterie. Curioso contrasto, Francesca Franci da parte sua risolve egregiamente il frizzante ruolo della servetta Berta, anche se la sua voce scura non passa inosservata. Né spiace infine il Coro diretto da Luigi Petrozziello. Daniel Oren, alla guida della Filarmonica salernitana, appare orientato in genere al sostegno delle voci senza forzare i limiti del suo mandato; i tempi della sua lettura appaiono talvolta come rallentati e non sempre brillanti e affilati come siamo abituati a sentire, la compagine orchestrale si limita così al suo ruolo di accorto accompagnatore senz'altre pretese che una corretta lettura.

Alfredo Tarallo

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 08:59
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.