lunedì, 18 novembre, 2019
Sei qui: Home / Teatro / Nel dolore la gioia mi parla... Tanti modi di dire teatro di Lamberto Puggelli

Nel dolore la gioia mi parla... Tanti modi di dire teatro di Lamberto Puggelli

Nel dolore la gioia mi parla... Tanti modi di dire teatroLamberto Puggelli
NEL DOLORE LA GIOIA MI PARLA... TANTI MODI DI DIRE TEATRO
Skira, 2012, Euro 19.00

Più che un libro è un atto d'amore ciò che Lamberto Puggelli, affermato sulla scena internazionale come attore-regista di provata professionalità, formatosi nella cerchia ristretta dei collaboratori di Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano, ha pubblicato, per i caratteri dell'editore Skira: una confessione personale per dire Nel dolore la gioia mi parla... per dire Tanti modi per dire teatro.
Un libro che ogni teatrante, operatore culturale, dovrebbe tenere nello scaffale della propria biblioteca, poiché ricostruisce un percorso di storia del teatro italiano, a partire dagli anni Cinquanta, attraverso documenti, testimonianze, lettere aperte, versi poetici sull'universo teatro, foto di scena, ritratti personali, riflessioni, considerazioni, denunce; ma anche un percorso di vita, d'amore, di passione, sofferenze, d'impegno intellettuale e creativo.
Dice bene nella prefazione lo studioso Paolo Bosisio, quando sostiene: "L'amore e la passione per la parola scritta- potremmo dire per la letteratura e la poesia, oltre che per la drammaturgia- risuonano al fondo delle dense osservazioni di Puggelli che, tuttavia, fa suo il pensiero dei grandi teorici di inizio Novecento, da Appia a Craig, da Artaud a Brecht... consista nella radicale e insopprimibile esigenza di contatto fra attori e spettatori - uno o mille che siano gli uni e gli altri- nella ecclesialità di un momento di comunicazione, fulminante nella sua irripetibilità, i cui contenuti pretendono di transitare non solo attraverso la ragione, bensì attraverso le emozioni in un contatto anche fisico che amplifica, deforma, corrompe, esalta e carica di forza ciò che ghermisce dal gesto dell'attore facendolo rimbalzare e circuitare fra gli spettatori: "il teatro- dice Puggelli- non è quello che accade in palcoscenico, ma quello che accade tra attore e pubblico".
Puggelli non dimentica di menzionare i suoi punti di riferimento quali Paolo Grassi, Giorgio Strehler, Mario Apollonio, che esigevano un teatro d'arte per tutti. Ma ricorda anche quanto abbia imparato da persone semplici, umili che i macchinisti, elettricisti, servi di scena, che nella loro umiltà determinano la vita di uno spettacolo teatrale. Ma molto ha giovato anche la sua attività d'attore nello svolgimento dei suoi atti di regista perché in prima persona ha provato cosa significa "vivere" in palcoscenico mentre si recita, facendo sapere agli attori che hanno lavorato con lui: "La vita è il senso ultimo di questo nostro lavoro. Ogni sera fatelo con rabbia, dolore, indignazione, follia, ma anche ragionando, con calma, gioia, perché non solo il teatro ma il mondo possa essere per noi lo specchio che ci rimandi l'immagine limpida. Di un modo di essere che sia veramente umano.
Più che un libro da leggere in silenzio è un libro da leggere, recitandolo ad alta voce al pubblico.

Mario Mattia Giorgetti

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 14:31
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.