mercoledì, 13 novembre, 2019
Sei qui: Home / Cinema / Andrej Tarkovskij. Andrej Rubler di Marina Pellanda

Andrej Tarkovskij. Andrej Rubler di Marina Pellanda

TarkovskijMarina Pellanda
ANDREJ TARKOVSKIJ. ANDREJ RUBLEV
Lindau, Torino, pp. 283, € 24,00
(CINEMA - Alberto Pesce)

Di Andrej Tarkovskij dopo L'infanzia di Ivan il secondo lungometraggio Andrej Rublev non è una olografia del dissenso (così interpretato al tempo di Breznev, e il film del 1966 dovette attendere tre anni per uscire di Russia, in concorso a Cannes), né la agiobiografia di un famoso pittore del '400, ma la traduzione di una tensione morale che non è rabbia o ira di passione, ma contemplazione distaccata, a piani-sequenza, di una pacatezza dolente, scabra che accresce la forza drammatica quanto più si posa, pausativa, suo quanto è terrestrità, amore dell'uomo, nella vastità di una terra di cui anche il cielo è specchio immanente.
Marina Pellanda ne analizza stigma autoriale muovendo dal presupposto tutto tarkovskiano della "unità del senziente col sentito", in progressiva sintonia col lettore zoomando in profondità a gradienti successivi. Così, dopo essersi dilungata sulla trama, non lineare tessitura di episodi, sei capitoli tra prologo ed epilogo, sonda su ciascuna delle otto sequenze servendosi poi del prologo per esemplificare minuziosamente minutaggio di struttura. Con questo informativo bagaglio, aiuta quindi il lettore a cogliere analogie d'anima tra i due Andrej, pittore e regista, tra occhio filmico e pittorica icona "simmetria compositiva", con personaggi e spazi "verso un'eternità che, pur laica, coincide almeno in parte con la trascendenza dell'icona", per lo spettatore di un "arrivare a conoscersi meglio".
In questa prospettiva di luce, il ritratto di Andrej Rublev si chiarisce e completa attraverso chi e come è visto in suo rapporto, personaggi quali Kirill e Daniil il Nero, il Buffone e Boriska, Teofane il Greco e la Muta, la Pagana, Fomà, e situazioni quali scorreria di Tartari, "strategia comunicativa" del silenzio, fusione di una campana, dopo quasi tre ore bianconere "l'artificio espressivo del colore".

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 17 Dicembre 2015 20:01

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.