giovedì, 12 dicembre, 2019
Sei qui: Home / Cinema / Commedia degli anni trenta - David Bruni

Commedia degli anni trenta - David Bruni

Commedia degli anni trenta-David Bruni David Bruni
COMMEDIA DEGLI ANNI TRENTA
Il Castoro, Milano, Euro 15.50, pp.165

(CINEMA - Alberto Pesce)

La rivoluzione del sonoro alla fine degli anni 20 è la grande occasione per il nostro cinema di uscire da catalessi. Il fascismo appoggia subito la rinascita della Cines, facendosi astutamente imprestare dal ceto medio, per esaltarlo e distrarlo, ideologie, illusioni, sogni, lasciando che il cinema si tinga di rosa, arabeschi a vario modo attorno a quella formula ben definita dal Margadonna "storia d'amore, finale moralistico, canzone orecchiabile". E per un decennio lo schermo di riempìe di segretarie private, rubacuori, educande innamorate, in ambientazioni frou frou, con storielle immancabilmente comico-sentimentali, sorrette da abili teatranti della commedia rosa, in sintonia con ovattate dinamiche sociali dell'epoca.
David Bruni ne mette a fuoco otto esemplari evidenziandone genesi, rapporti intertestuali, modalità prevalemti. Di Mario Camerini Gli uomini, che mascalzoni!... (1932) e Grandi magazzini (1939), di Nunzio Malasomma La telefonista (1932), di Mario Mattoli Tempo massimo (1934), di Mario Bonnard 30 secondi d'amore (1936), di Alessandro Blasetti Contessa di Parma (1937), di Max Neufeld Mille lire al mese (1938), e di Vittorio De Sica Teresa Venerdì (1941).
Ma a darne preventivo chiarimento di struttura, tematiche, soluzioni tecnico-linguistiche Bruni premette quattro capitoli che vanno gradualmente evidenziando le costanti, un "universo diegetico familiare agli spettatori", testi e interpreti di ascendenza teatrale, "dialoghi brillanti, situazioni ricche di equivoci e colpi di scena" ma sempre in accorto equilibrio tra valori di tradizione e suggestivi agganci di modernità, radici autartiche e aspirazioni cosmopolite, dentro filoni di sicurezza al botteghino, tra cui lo scolastico-collegiale, la commedia "gialla", il verismo vernacolo, il "film per tenori".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Giovedì, 24 Ottobre 2013 18:19

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088