domenica, 15 dicembre, 2019
Sei qui: Home / Cinema / Il mio Zavattini. Incontri percorsi sopralluoghi di Lorenzo Pellizzari

Il mio Zavattini. Incontri percorsi sopralluoghi di Lorenzo Pellizzari

Il mio ZavattiniLorenzo Pellizzari
IL MIO ZAVATTINI. INCONTRI PERCORSI SOPRALLUOGHI
ArtDigiland, Dublin, euro 13.34, pp. 201

(CINEMA - Alberto Pesce)

Per quasi sessant'anni, letterato senza letteratura, autore cinematografico quasi senza regìa (completo film suo solo La veritàaa nel 1982, a 80 anni), Cesare Zavattini è stata figura esemplare di un eclettico fervore che non aveva confini. Ha scritto libri. Ha inventato e sceneggiato una miriade di soggetti cinematografici. Ha coordinato film-inchieste. Ha fatto di diari ed epistolari "cineprese puntate sulla realtà", eco di incontri, dichiarazione di intenti, progetti di lavoro, riflessioni curiose o perplesse, sempre in sintonia con i tempi e la società nei suoi fermenti più vivaci e rivoluzionari.
Non è stato mai facile trarne un sistema organico di pensiero. Ora, vi si impegna un suo fan, Lorenzo Pellizzari, che allinea quanto in quarant'anni si è trovato a scrivere di lui, a cominciare da una sua "lettera a Za" del 1961 a piccato commento del film di De Sica La Ciociara cosceneggiato da Zavattini, e, l'anno dopo, una sua giovanile e un po'sussiegosa recensione per Le italiane e l'amore, e in ascolto tra l'infatuato e l'innamorato una dettagliata "conversazione" in cui Zavattini si sfoga a tutto campo, ma su cui Pellizzari a chiarimento d'epoca aggiunge un ampio "tassello" 1979.
Se in epilogo riporta tra sgomento e nostalgia una rivisitazione 1999 delle location per il "Miracolo a Milano" 1951, Pellizzari in mezzo all'antologia incastona quattro percorsi d'approfondimento critico. Su Za teorico pragmatico angolato da una triplice prospettiva, "profeta inascoltato, "inventore non brevettato", "propagatore inavvertito". Su Za in giro per il mondo con smania di "guardare" prima ancora che "viaggiare". Su Za e il suo sbrigliato "fantastico sociale". Su Za fotograficamente "curioso", anche ben oltre le collaborazioni con Paul Strand, William M. Zanca, Gianni Berengo Gardin.

Alberto Pesce

Ultima modifica il Lunedì, 17 Giugno 2013 00:38
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.