mercoledì, 29 gennaio, 2020
Sei qui: Home / Cinema / Viaggio al termine dell’Italia. Fellini politico di Andrea Minuz

Viaggio al termine dell’Italia. Fellini politico di Andrea Minuz

Viaggio al termine dell’Italia. Fellini politicoAndrea Minuz
VIAGGIO AL TERMINE DELL'ITALIA. FELLINI POLITICO
Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ), Euro 16.00, pp. 242
(CINEMA - Alberto Pesce)

Tra nostalgìe, ricordi, aneddoti, simboli, macchiette Federico Fellini amava fare dei propri film storia di sé specchio di storia degli altri, con bisogno morale di accoppiare alla visione degli uomini il giudizio sugli uomini e segreta ambizione di essere interprete indiretto, per via d'arte, di umori, crisi, inquietudini delle generazioni a lui contemporanee.
In questa prospettiva Andrea Minuz, con ricchezza di citazioni da interviste, libri, giornali, riviste, inediti d'archivio, approfondisce una lettura "politica" del cinema felliniano. Magari è un politico che per la prima volta compare esplicito con Amarcord, dove da approcci autobiografici con un "patriottismo alla rovescia" viene schizzata una "mitografia della nazione". Ma sono segni forti di "ideologia italiana" anche I vitelloni per quella "rilassatezza" nello stile di vita che diventa "inferiorità" rispetto a come si vive altrove, anche La strada per il modo con cui del nostro Paese si evoca "un'atmosfera sospesa tra realismo magico e documentario etnografico", anche La dolce vita, di riflesso a cronache rotocalchesche caleidoscopica vetrina di nostri archetipi culturali, "la Chiesa cattolica, il mito di Roma e quello del 'borgo natìo', Mussolini, Casanova, Pinocchio".
Per quanto riguarda la Capitale, vissuta come spettacolo, è coloratissimo affresco Roma, nella sua "dimensione fantasmatica" di una mitologia analoga alla romanità mussoliniana che si riflette anche in quel "vitellone fascista" che è Casanova. In ogni caso, restano anche politicamente di inquietante attualità sia Prova d'orchestra "graffiante catalogo della volgarità televisiva" e nella sua "radicale idiosincrasia verso la società italiana" quegli ultimi film che da Ginger e Fred così sottilmente antiberlusconiano approdano malinconicamente testamentari a La voce della luna.

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 17:40
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.