martedì, 10 dicembre, 2019
Sei qui: Home / Cinema / Il film in cui nuoto è una febbre. "10 registi fuori dagli schermi"

Il film in cui nuoto è una febbre. "10 registi fuori dagli schermi"

Il film in cui nuoto è una febbre. "10 registi fuori dagli schermi"Luigi Abiusi (a cura di), con postfazione di Roberto Silvestri
IL FILM IN CUI NUOTO E' UNA FEBBRE. "10 REGISTI FUORI DAGLI SCHERMI"
Caratteri Mobili, Bari, Euro 15.00, pp. 163

Sono autori contemporanei "dispersi" quelli allineati sotto un rastremato verso di Ulrike Draesner, "invisibili" al mercato delle nostre sale, ma degni di più attenta conoscenza.
Dall'Argentina Lisandro Alonso, per Luigi Abiusi tra riflessioni alla Bazin, Derida, Deleuze, Merleau-Ponty, "dentro quell'oltranzismo" che è "scoperta di nuovi territori, altre zone di enunciabilità". Dalla Thailandia Apichatpong Weerasethakul, per Massimo Causo con quella onirica forza d'immaginario che è "cognizione incognita della trasparenza del tempo reale". Dalle Filippine Lav Diaz di cui Giampiero Raganelli coglie articolato discorso sull'identità nazionale della sua gente. Dagli USA non solo l'indipendente Kelly Reichhardt, che Sara Sagrati percorre lungo svolte maturative cui non è estraneo l'incontro con lo scrittore Jonathan Raymond, anche
il francese hollywoodiano Michel Goundry, per Grazia Paganelli, soprattutto nei video, di "gioiosa visionarietà" .
Anche in Europa è panorama di "dispersi", o quasi. Dalla Francia Olivier Assayas, di cui Simone Emiliani ama cogliere anche cromatismi, nero di Desordre, Clean e Irma Vep, blu di Contro il destino, L'eau froide e Fin aout, début septembre, giallo-rosso di Les destinées sentimentals, verde di L'heure d'été, grigio-marrone di Carlos, bianco di Demonlover. E francese è anche Bruno Dumont con un cinema, per Giulio Sangiorgio, "tempio oscuro dove celebrare devotamente un culto ateo". Se greco è Yorgos Lanthimos nei film con potere forte di "governare la morte" (Michele Sardone), e austriaco Ulrich Seidl, per il quale "la pornografia, presente in massicce quantità, è chiave di lettura del contemporaneo" (Matteo Marelli), italiano è Davide Manuli, per Gemma Adesso "un alieno", cui è catartico rovello "abolire la narrazione, fare a pezzi il corpo dell'immagine".

Alberto Pesce

Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2013 14:58
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088