martedì, 25 febbraio, 2020
Sei qui: Home / H - I - J - K / IN-I - coreografia Akram Khan

IN-I - coreografia Akram Khan

In-I In-I coreografia Akram Khan

codiretto e interpretato da Juliette Binoche e Akram Khan
scene: Anish Kapoor
luci: Michael Hulls
drammaturgia: Guy Cools
Romaeuropa Festival 2008
Roma, Teatro Olimpico, dal 5 al 8 novembre 2008 (prima nazionale)

Il Messaggero, 7 novembre 2008
Il mondo danzante della Binoche
e del suo maestro Akram Khan

E', fondamentalmente, una storia d'amore. In-I - in scena all'Olimpico fino a domani per il Festival Romaeuropa e l'Accademia Filarmonica - tratteggia l'incontro fra due esseri fin lì sconosciuti l'uno all'altro e improvvisamente legati da una nuova intimità. Difficile e conflittuale, come capita nelle storie d'amore. Una storia disegnata, agita e colorata con accenti di verità da due artisti - Juliette Binoche e Akram Khan - capaci di mettersi in gioco fino in fondo. E assecondata con geniale semplicità da Anish Kapoor, artista visivo autore della scenografia, che con pochi segni di linea e di colore traduce il senso di ciò che accade in scena con accenti di un'essenzialità da lasciare senza fiato
Non era una scommessa facile. Lasciava perplessi l'idea che un'attrice premio Oscar come la Binoche, si fosse messa in testa di danzare, non avendolo mai fatto prima. E le precedenti prove di Akram - con Sidi Larbi Cherkaoui e Sylvie Guillem - avevano convinto solo fino a un certo punto. Questa terza tappa alla ricerca della partnership ideale appariva un po' come la prova del fuoco per lui: vero talento o abile manipolatore di formule di successo?
L'artista britannico ha superato brillantemente il test offrendoci una composizione variegata e salda, una solida cornice densa di contenuti dal punto di vista coreografico nonché - con il contributo fondamentale della Binoche - intensamente carica di connessioni, innesti e fusioni, decisamente riusciti, con le altre forme di linguaggio - la parola recitata e cantata, l'arte visiva - che concorrono a creare l'insieme della partitura.
La Binoche, dal canto suo, si è dimostrata esemplare discepolo per il suo maestro. Non è una ballerina, né poteva diventarlo. Eppure danza splendidamente. Danza come un essere umano che abbia trovato dentro di sé l'eterno io danzante - quello che nella tradizione indiana, attraverso Shiva, ha generato il mondo.
Totalmente libera da uno stile - per non averne mai praticato uno - ha assorbito quello del maestro, che nel confronto con la tabula rasa rappresentata dall'allieva ha potuto finalmente liberarsi, a sua volta, dello stile preciso che lo aveva fin qui sostenuto, come interprete ma anche, in buona misura, limitato, come autore, entro confini che sembravano insuperabili.
Una storia d'amore a lieto fine.

Donatella Bertozzi

Ultima modifica il Venerdì, 11 Ottobre 2013 12:04

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.