giovedì, 21 novembre, 2019
Sei qui: Home / G / GRAN GALA' "IL CIGNO NERO" - coreografia varie

GRAN GALA' "IL CIGNO NERO" - coreografia varie

Gran Galà "Il Cigno Nero" Gran Galà "Il Cigno Nero" Coreografia varie

Di: coreografie di Michel Fokine, Rudolf Nureyev, Marius Petipa, Ben Stevenson
Produzione: Vittoria Cappelli e Daniele Cipriani
Interpreti: i principals dell'American Ballet Theatre Irina Dvorovenko e Maxim
Trieste, Politeama Rossetti 30 ottobre 2012

www.Sipario.it, 9 dicembre 2012

La poesia senza tempo della danza declinata sulle sfumature del repertorio più universale: il Gran Galà "Il cigno nero" si è rivelato un unicum di bellezza e perfezione formale. Ispirato al capolavoro "Lago dei cigni" e, insieme, velatamente al film omonimo del 2011, ha offerto una parata internazionale di étoiles e principal dancers per sottolineare ancora una volta l'attualità affatturante e le suggestioni sprigionate dal balletto di Tchaikovsky, coreografato alla fine dell'Ottocento da Marius Petipa. Interpreti di alta caratura quindi, provenienti dall'American Ballet Theatre, dall'Opéra di Parigi, dalla Scala e dall'Opera di Roma, chiamati a confrontarsi con le pagine monumentali della tradizione tardo-romantica, trascolorando però anche in altri stili e linguaggi di genio (Maurice Bejart, Michel Fokine, Ben Stevenson).
Sulle videoproiezioni raffiguranti lo strenuo allenamento dei performers in un contesto metropolitano frenetico, l'incipit ha rievocato le drammaturgie classiciste ed acroniche di Petipa con l'Assolo del Giullare (Alessio Rezza) per poi proseguire (alternando anche altre firme coreografiche), con il Pas de trois (Stefania Ballone, Susanna Salvi, Rezza), Il Pas de quatre (Ballone, Lucia Ermetto, Erika Gaudenzi, Salvi) e la Danza Spagnola (Ballone, Ermetto, Gaudenzi, Salvi, Rezza). Vero evento della silloge si è rivelato il Pas de deux Il Cigno Nero, ieraticamente interpretato da Irina Dvorovenko (anche protagonista, durante la serata, del celebre assolo La morte del cigno di Saint-Saëns e-Fokine) e Maxim Beloserkovesky, icone dell'American Ballet Theatre. Ma l'antologia coreutica ha riservato anche delle interessanti variazioni sul tema, dove ha brillato soprattutto la stella di Alessio Carbone, primo ballerino dell'Opéra. Da solo ha offerto il virtuosismo animalesco, infuocato e vibrante di "Arepo", creazione di Bejart su musiche riarrangiate di Gounod, in cui emerge con forza il tema della trasformazione, la postura classica coniugata ad un'estrema fisicità. Insieme poi alla giovane promessa dell'Opera di Roma Flavia Stocchi si è esibito nei Tre Preludi di Rachmaninoff (coreografia dal taglio accademico di Stevenson) e con Antonella Albano nel Pas de deux Il cigno bianco disegnato da Nureyev.
Il Galà – curato da Daniele Cipriani - ha entusiasmato per la sua natura anfibia: alla ricerca della compostezza ma al contempo sensibile alle più seduttive contaminazioni.

Elena Pousché

Ultima modifica il Domenica, 03 Marzo 2013 11:14
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.