venerdì, 06 dicembre, 2019
Sei qui: Home / F / FIREFLY - coreografie Anthony Heinl

FIREFLY - coreografie Anthony Heinl

Firefly Firefly Coreografie Anthony Heinl

Evolution Dance Theatre
Coreografie Anthony Heinl, assistente Nadessja Casavecchia, disegno luci Adriano Pisi, realizzazione luci Mimmo L'abbate
Milano, Teatro Nuovo, dal 30 aprile al 5 maggio 2013

www.Sipario.it, 10 maggio 2013

Grandi globi oculari si muovono sul palco e sembrano rivolgere il loro sguardo inquietante verso lo spettatore: vibrano, ruotano, palpitano. All'interno di questi bozzoli trasparenti pare di intravvedere, in controluce contro il fondale nero, tracce di fisionomie umane: un profilo di volto, un braccio, una mano. Poi, d'un tratto, l'involucro sboccia ed ecco emergere realmente una testa, poi le spalle, le braccia ed il globo si trasforma nel corpo di donne e uomini farfalla che con la parte superiore si aprono allo spazio, mentre il bozzolone sottostante li radica al suolo come fossero grosse lumache. È il primo impatto visivo di Firefly, lo spettacolo dell'Evolution Dance Theatre che, dopo il quadro iniziale, non cessa di sorprendere lo spettatore, senza mai deluderne le aspettative.
L'impressione è una costante sfida alla forza di gravità ed alle leggi della fisica, grazie all'abilità funambolica ed atletica dei ballerini-acrobati, avvolti in costumi neri dai bordi fluorescenti che, stagliati contro il fondale nero, danno la sensazione di strisciare come serpenti, il cui movimento si coglie solo attraverso il dinamismo delle linee colorate, con un effetto veramente suggestivo. Lo stesso vale per la figura sulla quale, nell'oscurità, vengono lanciate delle palline fosforescenti che aderiscono progressivamente al suo corpo, tratteggiandone man mano le fattezze: braccia, gambe, busto. Una creatura, dunque, che ha una vaga somiglianza con un essere umano e che, tremante, vede incombere la minaccia di una grande bocca fluorescente, da cui viene fagocitata.
Non sono queste, che alcune delle soluzioni proposte nel corso di una performance affascinante, risultato della riuscita combinazione di molteplici ingredienti: non solo danza, ma anche acrobazia, illusionismo, video art, e, soprattutto, il sapiente uso delle luci ed il ricorso alle più aggiornate macchine sceniche che rendono possibile l'impossibile. Le sonorità che accompagnano le immagini non fanno che sottolinearne la surrealtà, contribuendo ad esaltare la carica di visionarietà trasmessa agli spettatori. Questo grazie alla genialità di Anthony Heinl, di origine statunitense, che non si è limitato a curare coreografia e regia, ma, infaticabile, si è anche esibito con il corpo di ballo ed ha saputo applicare all'arte la sua formazione nel campo della chimica e delle scienze tecnologiche, con risultati a dir poco mirabolanti.

Myriam Mantegazza

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 07:34
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.