venerdì, 22 ottobre, 2021
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / TODI FESTIVAL, Stagione 2021 - "La febbre", regia Veronica Cruciani. -di Pierluigi Pietricola

TODI FESTIVAL, Stagione 2021 - "La febbre", regia Veronica Cruciani. -di Pierluigi Pietricola

Federica Fracassi in "La febbre", regia Veronica Cruciani Federica Fracassi in "La febbre", regia Veronica Cruciani

La febbre
Debutto nazionale
Di Wallace Shawn
Traduzione di Monica Capuani
Regia di Veronica Cruciani
Con Federica Fracassi
Todi Festival 2021
Teatro Comunale, 30 agosto 2021

Testo in forma di monologo, La febbre di Wallace Shawn descrive le allucinazioni, i deliri, i barlumi di verità vissuti da un uomo benestante. Non sono vaneggiamenti che hanno a che fare con questioni metafisiche o con le magnifiche sorti e progressive di leopardiana memoria.
Ci si trova a un livello più pragmatico. Il protagonista del romanzo-monologo di Shawn entra in crisi con se stesso. Essere benestanti è una colpa o un merito? Ci sono i poveri, persone che soffrono a causa di altre che stanno meglio e che utilizzano il loro potere a dispetto di chiunque. È giusto tutto questo? Costoro debbono accettare qualsiasi angheria, ogni compromesso, soprusi su soprusi. Non possono ribellarsi, altrimenti perdono anche quel poco che hanno e che a stento permette loro di vivere una vita, per così dire, dignitosa. Quale, allora, la soluzione? La rivolta delle classi disagiate, del proletariato – per utilizzare una terminologia di marxiana memoria. Ma dove condurrebbe tutto ciò? Le risposte, per Shawn, sono chiare: basta pensare a quelle nazioni dove le rivolte a favore del popolo si sono trasformate in dittature dispotiche ben peggiori e feroci dei regimi spodestati. E quindi che fare? Shawn non risponde. Si limita a tracciare un affresco, cupo e allucinato, della situazione che presto nazioni ricche e paesi del terzo mondo si troveranno a vivere all’alba del terzo millennio (La febbre è stato scritto agli inizi degli anni Novanta del Novecento).
Visione distorta della vita, il testo di Shawn ricorda, mutatis mutandis, La signorina Else. Ma ben diversa la qualità fra le due opere: leggera, ironica, luminosa sebbene drammatica quella di Schnitzler; irrimediabilmente cupa, mai lieve e tragicamente distopica La febbre. Il suo autore ha creduto, erroneamente, di bandire ogni traccia di ironia per dare più importanza e corpo al dramma raccontato. Così facendo, in realtà, ha prodotto qualcosa di kitsch: non riflessione su un’emozione e quindi arte (come sosteneva T. S. Eliot), ma sua diretta espressione. Ingenuità imperdonabile in poesia.
La trasposizione teatrale de La febbre ad opera di Veronica Cruciani non ha certo migliorato le qualità del testo. Le ha accentuate addirittura. Ne è così emersa una pièce cupa, soffocante, grigia, non divertente in senso brechtiano. I messaggi raccontati, benché importanti, hanno finito col perdere in efficacia e passare inosservati.
Neppure l’attenta e precisa interpretazione di Federica Fracassi è servita a far decollare un testo che avrebbe necessitato un lavoro drammaturgico di alleggerimento, magari puntando su sfumature ironiche e meno tendenti al tragico.
La Fracassi, da attrice d’esperienza, ha compreso che un lavoro siffatto richiedeva un andamento recitativo serrato, privo di soste, così da non lasciare al pubblico un attimo di respiro. Soluzione ideale che ha allontanato, sebbene di poco, le tonalità oscure del testo di Shawn e che una trasposizione teatrale avrebbe potuto, dovuto tramutare in spiragli di luce.

Pierluigi Pietricola

Ultima modifica il Giovedì, 02 Settembre 2021 20:22

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.