venerdì, 25 settembre, 2020
Sei qui: Home / Recensioni / Rassegna Festival / Teatro Carignano TORINO 23 – 28 giugno 2020: "GIULIETTA", uno spettacolo di Valter Malosti

. -di Maura Sesia

Teatro Carignano TORINO 23 – 28 giugno 2020: "GIULIETTA", uno spettacolo di Valter Malosti

. -di Maura Sesia

Roberta Caronia in "Giulietta", uno spettacolo di Valter Malosti

 Roberta Caronia in "Giulietta", uno spettacolo di Valter Malosti



GIULIETTA
(dal racconto “Giulietta”– ed. Diogenes Verlag 1989 / il Melangolo, 1994)
di Federico Fellini
adattamento teatrale di Vitaliano Trevisan
uno spettacolo di Valter Malosti
con Roberta Caronia
scene Paolo Baroni
luci Francesco Dell’Elba
costume Patrizia Tirino
marionette Gianni Busso
musiche originali Giovanni D’Aquila
progetto sonoro Valter Malosti
ricostruzione e rielaborazione del suono Fabio Cinicola
assistente alla regia Alba Manuguerra
produzione TPE - Teatro Piemonte Europa
si ringrazia Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare
la prima versione dello spettacolo è stata realizzata da Teatro di Dioniso
in collaborazione con Teatro Regio di Torino / Piccolo Regio Laboratorio
con il patrocinio di FELLINI 100
Celebrazioni per il Centenario della nascita di Federico Fellini
Teatro Carignano TORINO 23 – 28 giugno 2020
PRIMA ASSOLUTA

Se non fosse già accaduto dovrebbe necessariamente succedere. Perché Roberta Caronia, attuale interprete del soliloquio che fruttò a Michela Cescon il Premio Ubu 2004 come miglior attrice, meriterebbe il medesimo riconoscimento. Un riallestimento dopo tanti anni in occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, un’idea del regista Malosti e dell’attrice che per prima lo portò al successo, una sfida culturale perché uscire da un ruolo cedendolo a un’altra provoca un totale ribaltamento. La pièce è una performance, ovvero ha molte affinità con le installazioni d’arte. Ogni particolare concorre all’opera artistica, figurativa e scultorea. C’è lo scheletro di un circo. Ci sono gli spiriti che parlano alla fragile protagonista, nelle vesti di inquietanti e suggestive marionette, di cui talvolta si vedono solo le teste. Ci sono le luci che tracciano una loro robusta drammaturgia. E poi c’è la storia di una donna prigioniera di se stessa, che qui sembra una grande marionetta asessuata o forse un enorme burattino, data la sparizione delle gambe, celate sotto una gonna-telone circense. C’è la parola, il ricordo, il lamento, il dubbio, ci sono le immagini che Caronia innesca e che prendono vita nella fantasia del pubblico. C’è una donna insicura, c’è un marito adultero, c’è una corsa alla riconquista che condurrà alla libertà. Ci sono le voci, lo spiritismo, il sonno e la veglia che si intrecciano nell’esperienza umana ed acquistano pari significato. C’è un’adesione al mondo onirico, un’immersione nell’interiorità del personaggio che come Alice cerca una via di uscita in un’atmosfera ovattata, dove i dolori si stemperano e il confine tra vita e morte è naturale. Confidando si possano recuperare tutte le repliche cancellate per l’emergenza, come la messinscena meriterebbe.

Maura Sesia

Ultima modifica il Venerdì, 17 Luglio 2020 09:26

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.