giovedì, 29 luglio, 2021
Sei qui: Home / Attualità / IN PROMOZIONE / Estate esplosiva del CENTRO TEATRALE BRESCIANO - 18 giugno al 28 luglio

Estate esplosiva del CENTRO TEATRALE BRESCIANO - 18 giugno al 28 luglio

Ecco l’estate esplosiva del Centro Teatrale Bresciano
Un imponente palinsesto di eventi giornalieri
con oltre 80 recite distribuite su tre progetti.
Dal 18 giugno al 28 luglio a Brescia, artisti di rilievo nazionale, progetti di drammaturgia contemporanea, recital e spettacoli itineranti in diversi luoghi della città.
D’estate al Chiostro, Calma Musa Immortale e La città dei Miti
sono i titoli dei tre progetti immaginati dal CTB per celebrare la magia del teatro e trascorrere insieme l’estate.
I protagonisti: Lella Costa, Ugo Dighero, Gioele Dix,
Lucilla Giagnoni, Antonella Ruggiero, Michela Murgia,
Anna Gualdo, Alberto Onofrietti, Alfonso De Vreese, Filippo Porro,
Pablo Ezequiel Rizzo, Isacco Venturini, Daniele Nuccetelli,
Christian Di Domenico, Elena Cotugno!
Un intenso forzo produttivo per offrire alla città una proposta culturale di alto profilo e celebrare insieme
la grande magia del teatro

Il Centro Teatrale Bresciano è orgoglioso di presentare la Stagione estiva 2021, un imponente palinsesto che conta oltre ottanta recite per un fitto calendario di appuntamenti che si svolgeranno dal 18 giugno al 28 luglio in diversi punti della città.
Artisti di rilievo nazionale, progetti di drammaturgia contemporanea, recital e spettacoli itineranti distribuiti su tre rassegne realizzate grazie alla collaborazione con importanti realtà del territorio. Una Stagione estiva pensata come una grande festa per tornare a celebrare la magia del teatro.

Antonella Ruggiero. Foto Piero Biasion

Il Centro Teatrale Bresciano ha immaginato tre progetti distinti che si svolgeranno in diversi luoghi di Brescia, per coinvolgere il pubblico in una proposta culturale complessiva di alto profilo e, allo stesso tempo, diversificata per tematiche e strategie. Nel centro storico di Brescia, il Chiostro Santa Chiara sarà il cuore della rassegna D’estate al Chiostro. Teatro sotto le stelle che - forte del successo dello scorso anno - propone un calendario di appuntamenti imperdibili con grandi nomi della scena italiana, mentre il Museo di Santa Giulia insieme al Parco archeologico monumentale del Capitolium ospiteranno lo spettacolo realizzato in sinergia con Fondazione Brescia Musei per il ritorno della Vittoria Alata in città Calma Musa Immortale. Infine, il comparto di Via Milano con il Bistrò Popolare, la Corte dei Lavatoi in via Mazzucchelli e da Piazzale Iveco sarà teatro del progetto La città dei Miti, una suite giornaliera di tre spettacoli immersivi e a forte impatto emotivo incentrati sulla rivisitazione in chiave contemporanea del mito classico.
Gli artisti chiamati dal Centro Teatrale Bresciano a dare vita a questo straordinario palinsesto sono Lella Costa, Ugo Dighero, Gioele Dix, Lucilla Giagnoni, Antonella Ruggiero, Michela Murgia, Anna Gualdo, Alberto Onofrietti, Alfonso De Vreese, Filippo Porro, Pablo Ezequiel Rizzo, Isacco Venturini, Daniele Nuccetelli, Christian Di Domenico, Elena Cotugno.
Teatro, poesia, parole e musica, drammaturgia contemporanea, riletture del mito, luoghi meravigliosi della nostra storia e nuovi spazi mai frequentati, per sognare e trascorrere insieme al pubblico della città e agli artisti, l’estate 2021.

Lella Costa. Foto Lorenzo Piano

D’ESTATE AL CHIOSTRO Il Centro Teatrale Bresciano ritorna anche quest’anno nel suggestivo e poetico Chiostro Santa Chiara (Contrada Santa Chiara 50/A), illuminato dalle meravigliose luci create da Cesare Agoni, con la rassegna D’estate al Chiostro. Teatro sotto le stelle che prenderà vita dal 29 giugno al 28 luglio (tutti gli spettacoli iniziano alle 21.30). Protagonisti alcuni dei maggiori artisti della scena nazionale come Lella Costa, Lucilla Giagnoni sul palcoscenico insieme ad Antonella Ruggiero, Ugo Dighero, Gioele Dix e Michela Murgia.

Ugo Dighero

Apre la rassegna, il 29 e 30 giugno, Ugo Dighero che nel suo recital Mistero Buffo. Il primo miracolo di Gesù bambino e La parpaja topola dà voce e corpo ai personaggi dei due grandi monologhi scritti da Dario Fo e Franca Rame. Un episodio dell’infanzia di Gesù, tratto dai Vangeli apocrifi, e le peripezie di un capraio che improvvisamente diventa ricco sono il cuore di due incredibili storie che, attraverso la poesia e la leggerezza, sanno farci riflettere su importanti temi dell’oggi.
La rassegna prosegue il 6 e 7 luglio 2021 con Mater spiritualis et corporalis di Lucilla Giagnoni con Antonella Ruggiero e Lucilla Giagnoni. Litanie orientali, ritmi arabi, inni sacri cristiani e capolavori della musica classica occidentale combinati con le parole di Calvino, Szymborska, Lispector, Merini, Hillesum, De Luca: una potente combinazione cui danno voce due grandissime artiste, accompagnate da Roberto Olzer al pianoforte e organo liturgico e Roberto Colombo, vocoder e armonium.
Il nuovo spettacolo di Lella Costa Intelletto d'amore. Dante e le donne - scritto con Gabriele Vacis che cura anche la regia - ha per protagoniste le figure femminili della Commedia: Beatrice, ideale d’amore puro e guida spirituale, Francesca, meravigliosa anima imprigionata nel girone infernale, Taibe, prostituta delle Malebolge e Gemma Donati, moglie del poeta e madre dei suoi figli. Sul palcoscenico del Chiostro, il 13 e 14 luglio, Lella Costa dà voce alle storie di queste donne, con l’inconfondibile piglio ironico e mordace che la caratterizza.

Gioele Dix. Foto Laila Pozzo

Il 20 e 21 luglio è la volta di Gioele Dix, protagonista del suo spettacolo Vorrei essere figlio di un uomo felice. Ci racconta di Telemaco, figlio di Ulisse, che nell’Odissea, guidato dalla dea Atena, s’imbarca in un lungo viaggio per conoscere il padre - un’avventura che lo porterà alla consapevolezza di sé e del proprio destino. In un recital vivace, fra simboli, parafrasi, suggestioni colte e fine ironia, Gioele Dix ci accompagna in una storia paradigmatica, che racconta la sorte di tutti i figli costretti a combattere per meritarsi l’eredità dei propri padri.

Michela Murgia

Le ultime serate, il 27 e 28 luglio, saranno in compagnia di Michela Murgia, scrittrice di punta della scena contemporanea, che presenta il suo Don Giovanni, l'incubo elegante. Nello spettacolo troviamo Don Giovanni, Leporello, Don Ottavio, Anna, Elvira, Zerlina: analizzando il gioco delle coppie mozartiano cui fa eco la fisarmonica di Giancarlo Palena, Michela Murgia ci trascina in un’acuminata riflessione sui rapporti tra universo maschile e femminile, confessandosi a un invisibile interlocutore: lo psicanalista.
Per la realizzazione di D’estate al Chiostro. Teatro sotto le stelle il Centro Teatrale Bresciano ringrazia per il fondamentale sostegno il Comune di Brescia e per la preziosa collaborazione l’Università degli Studi di Brescia.

Calma MusaImmortale. Foto Umberto Favretto

CALMA MUSA IMMORTALE Il primo degli appuntamenti in programma nasce dalla collaborazione di Centro Teatrale Bresciano e Fondazione Brescia Musei in occasione del grande progetto di restauro e riallestimento della Vittoria Alata alla città di Brescia. Calma Musa Immortale è uno spettacolo teatrale itinerante che dal Museo di Santa Giulia (via Piamarta, 4) accompagna il pubblico attraverso il Parco archeologico di Brescia Romana fino ad arrivare alla cella in cui è custodita la Vittoria Alata, tappa organica al percorso teatrale. Un insolito cicerone guida gli spettatori lungo il tragitto, scortandoli attraverso scenari fantastici, epigrafi e rovine conservate nel parco monumentale. Un viaggio nel tempo emozionante nel cuore di uno dei luoghi fondamentali della storia della nostra città. Ideato e diretto da Fausto Cabra, attore e regista bresciano impegnato con successo sulla scena nazionale ed europea, lo spettacolo è scritto da Marco Archetti in collaborazione con Silvia Quarantini e vede l’interpretazione di Anna Gualdo, Alberto Onofrietti, Alfonso De Vreese, Pablo Ezequiel Rizzo, Filippo Porro e Isacco Venturini.
Per mezzo di molteplici linguaggi, una partitura sonora e un’emozionante carica visiva e scenografica, il pubblico è coinvolto in un’esperienza culturale innovativa che rivela alcuni dei significati simbolici, sociali e politici legati alla Vittoria Alata, che si intrecciano al mistero della fascinazione artistica quale simbolo del desiderio di bellezza, di perfezione e di immortalità, fino a farsi emblema della memoria, dell'identità e della rinascita civica e culturale di Brescia.
Un viaggio appassionante per provare ad attraversare insieme le vicende del nostro passato, ripercorrendo i ricordi, gli ideali e le storie degli uomini e delle donne che ci hanno preceduto e che, come noi la contempliamo oggi, hanno ammirato la Calma Musa nel corso dei secoli.
Lo spettacolo prevede un percorso a piedi con partenza dal Museo di Santa Giulia e arrivo al parco archeologico. Sono disponibili sei recite giornaliere con orario d’inizio 19.00 - 19.45 - 20.30 - 21.15 - 22.00 - 22.45 nelle seguenti date: 18, 19, 20, 24, 26 e 27 giugno 2021.

Elena Cotugno. Foto Norbert

LA CITTÀ DEI MITI Dallo studio della tragedia greca e dall’osservazione della società contemporanea nasce La Città dei Miti. Un sogno poetico metropolitano in una trilogia, il terzo progetto promosso dal Centro Teatrale Bresciano che si inserisce nel progetto del Comune di Brescia Oltre la strada - pensato per il recupero e la valorizzazione del comparto di via Milano - e che continua l’esperienza laboratoriale di Studio per La città dei Miti svolta presso il Bistrò Popolare lo scorso autunno. Un’esperienza teatrale a forte impatto emotivo realizzata in collaborazione con Teatro dei Borgia, Cooperativa La Rete e Gruppo Brescia Mobilità, che mette a confronto i paradigmi della classicità con i corrispondenti modelli sociali dei giorni nostri.
Il risultato è una trilogia di spettacoli in cui le figure mitiche di Eracle, Filottete e Medea vengono proiettate nella contemporaneità e identificate rispettivamente con un genitore separato, un malato incurabile abbandonato e una prostituta straniera.
Christian Di Domenico, Daniele Nuccetelli ed Elena Cotugno interpretano con straordinaria bravura le storie di questi personaggi, storie in cui la quotidianità si trasforma in vita feroce e solitudine che trascina i protagonisti in abissi impensabili.
Rompendo la distanza tra scena e platea, gli spettacoli coinvolgono direttamente il pubblico come parte interattiva e integrante del meccanismo teatrale, in una modalità esperienziale intensa ed emozionante.
Gli spettacoli si svolgono tutti i giorni dal 29 giugno al 10 luglio 2021.
Presso il Bistrò Popolare (via Industriale, 14), ogni giorno alle ore 19, va in scena Eracle, l’invisibile da Euripide, di Fabrizio Sinisi, con Christian Di Domenico. Una produzione Teatro dei Borgia con la regia di Gianpiero Alighiero Borgia che crea un parallelismo disturbante tra l’eroe classico, Eracle, divino nella sua proverbiale forza, e una figura iconica della società contemporanea, il marginalizzato, il senzatetto. Nella folla degli invisibili, Christian Di Domenico interpreta il ruolo del genitore separato e ne porta in scena le traversie economiche, sociali e psicologiche che, come in un vortice, lo trascinano nella disperazione più buia, minando l’equilibrio interiore. Uno spettacolo immersivo che, partendo dal mito e dalla tragedia euripidea, arriva dritto ai giorni nostri.

Daniele Nuccetelli

Alle 21, presso la Corte dei lavatoi (via Mazzucchelli, 23), Daniele Nuccetelli interpreta Filottete dimenticato da Sofocle, scritto da Fabrizio Sinisi, diretto da Gianpiero Alighiero Borgia. Dall’abbandono non si torna indietro. Lo sa bene Ulisse che, nella tragedia di Sofocle, ritorna dopo dieci anni a cercare Filottete, lasciato solo sull’isola di Lemno dopo essersi ferito gravemente a una gamba. Chi è il Filottete contemporaneo con cui confrontarci? Per Teatro dei Borgia è il malato incurabile, spesso còlto da malattia neurodegenerativa, che viene lasciato solo dalla famiglia. In una sala di RSA ricostruita, Daniele Nuccetelli dà corpo ai sentimenti di chi, in una condizione di grave sofferenza, è lasciato a se stesso, portando in scena un tema delicato e complesso che tocca da vicino le realtà famigliari di oggi.
Chiude la programmazione giornaliera la produzione Centro Teatrale Bresciano Medea in via Milano spettacolo itinerante a bordo di un autobus con partenza alle ore 22 dalla Fermata autobus presso Piazzale Iveco (via Volturno). Diretto da Gianpiero Alighiero Borgia, scritto da Fabrizio Sinisi ed Elena Cotugno, straordinaria protagonista, Medea in Via Milano rilegge la tragedia dello straniero attraverso la forza del mito greco di Medea. Lo spettacolo racconta di una donna scappata dal proprio paese, arrivata in Italia e finita a prostituirsi per amore di un uomo da cui si crede ricambiata e con cui ha due figli. Come per Medea l’amore, la speranza, la fiducia in un destino migliore si spengono in un’ossessiva disperazione che culmina in un tragico abisso.
Il Centro Teatrale Bresciano è orgoglioso di presentare un cartellone ricco di appuntamenti per trascorrere insieme al pubblico l’estate di questo particolare anno che stiamo vivendo. Un’estate ad alta temperatura culturale, ricca di tematiche e suggestioni su cui riflettere e interrogarsi, ma anche per divertirsi e ridere in compagnia dei nostri amati artisti.
Dopo i lunghi mesi di chiusura dei teatri a causa della terribile emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo, il Centro Teatrale Bresciano desidera contribuire con questa proposta in maniera sostanziale perché il teatro e la cultura ritornino a vivere, a essere occasione di partecipazione e incontro, riflessione, passione, emozione, sogno.
Tutti gli appuntamenti sono realizzati nel pieno rispetto di ogni misura di sicurezza in vigore, per garantire la piena tranquillità di svolgimento delle serate. L’ingresso del pubblico, i percorsi di entrata e uscita, la disposizione delle sedute e dei palchi sono realizzati nel pieno rispetto di tutte le linee guida e le prescrizioni di sicurezza stabiliti dalle Autorità competenti in ambito nazionale e territoriale, per garantire agli spettatori, al personale di sala e agli artisti la piena tranquillità nello svolgimento di tutte le fasi della serata di spettacolo.

BIGLIETTI E INFORMAZIONI
I biglietti e gli abbonamenti sono in vendita a partire dall’8 giugno secondo modalità e calendario descritto singolarmente negli allegati.
Dal momento che i posti disponibili sono limitati, è possibile e consigliabile l’acquisto in prevendita.

Informazioni:
Centro Teatrale Bresciano
030 2928617; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Biglietteria del Teatro Sociale
Via F. Cavallotti, 20 - Brescia
t. 030 2808600; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Da martedì a venerdì 10.00-13.00/15.00-18.00
sabato 15.00-18.00
domenica 15.30-18.00 (solo nei giorni di spettacolo)

Ultima modifica il Lunedì, 14 Giugno 2021 08:34

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.