Stampa questa pagina

Premi Ubu per il teatro 2011 - I vincitori

Gianrico Tedeschi Gianrico Tedeschi Premio come Miglior Attore

Si è svolta a Milano la trentaquattresima edizione dei Premi Ubu, la prima in assenza del loro fondatore Franco Quadri. Fortemente voluta dai figli Jacopo e Lorenzo – e realizzata con il patrocinio del Comune di Milano e il contributo e sostegno di UniCredit – la serata si è aperta con un commovente omaggio video al grande critico e editore milanese. Consegnati ancora una volta nello storico Piccolo Teatro Grassi di via Rovello– strapieno di premiati e di "premianti", di votanti e di amici della Ubulibri, come anche di spettatori affezionati – i 20 titoli assegnati dal referendum di 53 critici hanno contato diversi ex aequo e una folta presenza di "premi speciali". A segnare una continuità con il passato sono stati invitati a consegnare i Premi i vincitori delle edizioni precedenti, e in particolare quelli dello scorso anno, come per una sorta di passaggio di testimone. E si è tornati all'origine anche scegliendo come premio, per questa particolare edizione, delle molto classiche e argentate "coppe" da competizione sportiva, riprendendo così la tradizione dei primi anni.

Pippo Delbono

"L'assegnazione dei Premi Ubu è sempre un momento di festa per la cultura – spiega Monica Cellerino, Responsabile Territorio Lombardia di UniCredit – perché dimostra che il mondo del teatro è capace di fare rete, alimentando in modo virtuoso il sistema artistico del nostro Paese. UniCredit ha scelto di sostenere la manifestazione per darle continuità anche dopo la scomparsa del suo ideatore Franco Quadri. Nel fare i complimenti ai vincitori, rinnoviamo il nostro plauso agli organizzatori dei Premi Ubu, al cui fianco siamo lieti di collaborare per valorizzare le eccellenze del patrimonio culturale italiano ed europeo."

Il decano della serata – presentata ancora una volta da Gioele Dix e trasmessa in streaming su www.studio28.tv – è stato Gianrico Tedeschi (92 anni) che ha ritirato il premio come Miglior attore per La compagnia degli uomini dalle mani di Fabrizio Gifuni. Mentre il premio di Miglior attrice ha visto affiancate ex aequo due figure di diversa generazione: Mariangela Melato e Federica Fracassi, premiate da Francesca Mazza. Ex aequo anche il riconoscimento di miglior spettacolo, che Luca Ronconi ha consegnato a The History Boys di Teatridithalia e a Dopo la battaglia di Pippo Delbono, due visioni teatrali differenti ma accomunate da una dimensione di coralità. Il cast di Teatridithalia conta anche il premio di Ida Marinelli come Miglior attrice non protagonista – vittoria consecutiva 2010-2011 – e del gruppo dei Ragazzi di The History Boys come Nuovi attori under 30 che hanno preso il premio dalle mani di Giovanni Anzaldo. Sempre tra gli attori, il Miglior non protagonista è stato Luca Micheletti in La resistibile ascesa di Arturo Ui, premiato da Francesco Colella. A consegnare il premio per la Miglior regia a Valerio Binasco per Romeo e Giulietta (ritirato da Deniz Özdogan) e a Mario Martone per Operette morali è stato Armando Punzo. Il premio per la Miglior scenografia a Maurizio Balò per Il misantropo è stato consegnato da Margherita Palli, mentre Pippo Delbono ha consegnato la coppa per il Miglior spettacolo straniero presentato in Italia al Tanztheater Wuppertal Pina Bausch che se l'è aggiudicata per Vollmond (il premio è stato ritirato da Sergio Escobar). A Babilonia Teatri il premio per The End come Migliore novità italiana, consegnato al gruppo da Saverio La Ruina, mentre il riconoscimento alla Migliore novità straniera è stato vinto per il secondo anno consecutivo da Rafael Spregelburd, questa volta per Lucido, e lo ha ritirato la compagnia Costanzo-Rustioni dalle mani del gruppo di Bizarra. Foltissima la schiera dei Premi speciali che come sempre restituscono uno sguardo ampio sui confini labili del teatro e sui suoi intrecci tra passato e futuro: il Teatro Povero di Monticchiello, il festival Prospettiva di Torino, Mario Perrotta (per la "Trilogia sull'individuo sociale"), Rai Radio 3 (per il radiodramma), Virgilio Sieni (per il lavoro con i non professionisti), il Teatro Valle Occupato (le preferenze indicate alla prima tornata dai 53 critici che hanno partecipato al referendum Ubu saranno consultabili sul sito www.ubulibri.it nei prossimi giorni).

The History Boys

La serata degli Ubu ha ospitato anche, come tradizione, la consegna del Premio Alinovi all'artista Anna Galtarossa, e, come novità, quella del premio Rete Critica vinto dal giovane gruppo teatrale Menoventi.

Spettacolo dell'anno ex aequo in ordine alfabetico: Dopo la battaglia (Pippo Delbono, Ert - Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma, Théâtre du Rond Point, Théâtre de la Place, Théâtre National de Bretagne); The History Boys di Alan Bennett (Ferdinando Bruni e Elio De Capitani, Teatridithalia)

Miglior regia ex aequo in ordine alfabetico: Valerio Binasco per Romeo e Giulietta di William Shakespeare; Mario Martone per Operette morali da Giacomo Leopardi

Miglior scenografia: Maurizio Balò (Il misantropo)

Miglior attore: Gianrico Tedeschi (La compagnia degli uomini)

Miglior attrice ex aequo in ordine alfabetico: Federica Fracassi (Hilda e Incendi); Mariangela Melato (Nora alla prova da "Casa di bambola")

Miglior attore non protagonista: Luca Micheletti (La resistibile ascesa di Arturo Ui)

Miglior attrice non protagonista: Ida Marinelli (The History Boys)

Nuovo attore under 30: I ragazzi di The History Boys (Giuseppe Amato, Marco Bonadei, Angelo Di Genio, Loris Fabiani, Andrea Germani, Andrea Macchi, Alessandro Rugnone, Vincenzo Zampa)

Nuovo testo italiano o ricerca drammaturgica: The End di Valeria Raimondi e Enrico Castellani (Babilonia Teatri)

Nuovo testo straniero: Lucido di Rafael Spregelburd

Miglior spettacolo straniero presentato in Italia: Vollmond (Pina Bausch, Tanztheater Wuppertal Pina Bausch)

Premi speciali:

Teatro Povero di Monticchiello per il coinvolgimento di un intero paese in un progetto di teatro civile di forte intensità poetica

Virgilio Sieni non solo per il complesso del suo lavoro sul movimento, ma anche per la ricerca di nuovi linguaggi con interpreti non professionisti

Teatro Valle Occupato per l'esempio di una possibilità nuova di vivere il teatro come bene comune

Il festival Prospettiva di Torino, a cura di Mario Martone e Fabrizio Arcuri, terreno di confronto artistico internazionale rivolto alla crescita del "nuovo"

Rai Radio 3 per aver riproposto con successo un genere "dimenticato" quale il radiodramma, valorizzandolo come arte del presente

Mario Perrotta per la "Trilogia sull'individuo sociale", del quale coglie la disgregazione nel mondo contemporaneo

Ultima modifica il Venerdì, 22 Marzo 2013 07:39
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Ultimi da La Redazione

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.