sabato, 25 giugno, 2022
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / LA SCOMPARSA DI LINO CAPOLICCHIO. Quell’ ingiusto ostracismo che gli inflisse il cinema italiano. -di Angelo Pizzuto

LA SCOMPARSA DI LINO CAPOLICCHIO. Quell’ ingiusto ostracismo che gli inflisse il cinema italiano. -di Angelo Pizzuto

Lino Capolicchio Lino Capolicchio

Sempre inquieto, insofferente (all’ipocrita bon-ton), tendente al febbrile e a quella particolare forma di autostima che lascia intendere una suscettibilità inesistente, Lino Capolicchio (nato a Merano e scomparso a Roma, a 78 anni) ha probabilmente “dato” al suo lavoro, alla cultura e all’abnegazione che necessita, molto più di quanto abbia ricevuto. Senza tuttavia che tocchi a noi fungere da avvocati d’ufficio e non richiesti Disincantati, oltre tutto, dai ‘risarcimenti postumi’ che la società dello spettacolo e della conoscenza “potrà riconoscere” alla miriade di suoi creditori.
Protagonista – e beniamino- del cinema italiano anni 70, l’attore divenne noto al pubblico-medio quale protagonista, vibratile e vulnerabile, de “Il giardino dei Finzi Contini”, film premio Oscar di Vittorio De Sica tratto dal romanzo di Giorgio Bassani che gli valse pure un David di Donatello (Lino, per inciso, è morto la stessa sera delle assegnazioni annuali a Cinecittà).
Nato a Merano e cresciuto a Torino, l’attore era giunto a Roma poco più che ventenne per frequentare con profitto (e non facile esame di ammissione) l’Accademia nazionale di Arte Drammatica titolata a Silvio D’Amico.
In teatro, appena diplomatosi, aveva esordito ai massimi livelli (“Le baruffe chiozzotte”), sotto la guida di Giorgio Strehler e una solida scrittura al Piccolo di Milano, alternando la scena di prosa, con quel ‘film d’autore’ che, dopo gli esordi Bellocchio, Samperi, Faenza (per il quale fu protagonista di “Escalation”) sembrava affermarsi quale ‘sol dell’avvenire’ del cinema indipendente. Andò in altro modo, (e Capolicchio ne subì un discreto ostracismo), ma questa sarebbe un’altra storia- pur se di quegli anni restano da riscoprire almeno due titoli, in cui egli primeggia mediante una mimesi recitativa filtrata da un voluto sottotono, defilato ma polarizzante. Mi riferisco ad “Un apprezzato professionista….” di Giuseppe De Santis e “L’ultimo giorno di scuola…” di Gian V. Baldi, difficilmente reperibili anche in edizione home video.
Fra i titoli di maggior rilievo da annoverare anche “Metti, una sera cena” di Giuseppe Patroni Griffi, “Il giovane normale” di Dino Risi, “La casa delle finestre che ridono” di Pupi Avati, “La bisbetica domata” di Franco Zeffirelli, “Mussolini, ultimo atto” di Carlo Lizzani. Quasi inossidabile il sodalizio con Avati, per il quale Capolicchio ha lavorato in “Noi tre”, “Jazz band”, “Le strelle nel fosso”, “Cinema!!” sino a “Una sconfinata giovinezza” (uno dei migliori film sugli sconvolgimenti familiari dell’Alzheimer) e al gotico-rurale “Signor Diavolo” (del 2019).
Sceneggiatore e regista ‘in proprio’, Capolicchio aveva espresso professionalità e competenza con Bohème al Teatro Giglio di Lucca  (1988) e Manon Lescaut, -entrambi di Giacomo Puccini- al Teatro Rendano di Cosenza (1996). Così come un capitolo a parte meriterebbe (e meriterà) l’excursus della sua attività didattica presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, insegnante di recitazione e doppiaggio per giovani colleghi da lui incoraggiati e valorizzati: da Alessio Boni a Jaia Forte, da Pier Francesco Favino a Sabrina Ferilli, a Paolo Virzì.
Un solo aneddoto per dire il resto: quando a Francis Ford Coppola fu proposto un ruolo da attore in Italia (del film non se ne fece nulla), il regista volle che il suo insegnante fosse Lino Capolicchio. E. disciplinatamente, andò a lezione, a via Tuscolana, dalle 9 alle 16 di ogni giorno feriale.

Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2022 17:55

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.