domenica, 26 giugno, 2022
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / LA FEMMINILITÀ E IL SUO LATO OSCURO - “Donne, plurale universale”. Mise en espace di e con Laura Giordani. -di Angelo Pizzuto

LA FEMMINILITÀ E IL SUO LATO OSCURO - “Donne, plurale universale”. Mise en espace di e con Laura Giordani. -di Angelo Pizzuto

“Donne, plurale universale”. Mise en espace di e con Laura Giordani. “Donne, plurale universale”. Mise en espace di e con Laura Giordani.

LA FEMMINILITA’ E IL SUO LATO OSCURO 
“Donne, plurale universale”
Mise en espace di e con Laura Giordani
Teatro del Canovaccio, Catania
–attualmente in tournèe
di Angelo Pizzuto

“Quattro punti cardinali di intendere l’essere donna”, A iniziare dal suo venire al mondo, dal nascere donna-da-donna. E poi “perdersi”, prismaticamente “nelle mille sfaccettature dei popoli e dei linguaggi”. Alcuni esempi: la canzone popolare turca che si spande fra amore e melanconia in memoria della“maga asiatica”, nel suo concepisce un familiare delitto. Atto con cui la leggendaria Clitennestra vendica la ‘sacrificale’ figlia Ifigenia –e, con essa, “tutte le donne” vittime di violenza -uccidendo Agamennone e la sventurata Cassandra. Assurgendo, a suo modo, ad un ribaltamento (da inedita prospettiva) dello scottante, attualissimo dibattito inerente il femminicidio.

Dalla più epica delle tradizione si passa alla cronaca nera dell’Italia degli anni ’40. Evocando il caso della “Saponificatrice di Correggio”- quando il plurimo delitto rappresenta l’aberrazione della società borghese, “che delle forme esteriori fa una legge irrinunciabile”, sino alla deriva dell’omicidio seriale (e ferocemente esemplare).
Con il terzo personaggio della “madre premurosa” si entra nel vivo della questione: gli atavismi che distruggono i rapporti madre/figlia e qualunque emancipazione delle donne, quand’esse sono oppresse dalla cultura ipocrita e piccolo borghese di alcune madri “anni ‘70”, ed anche oltre.

Un soffio di speranza giunge dall’ultima parte dello spettacolo. La “Muratora” è una ragazza che riesce a fare della sua vita quello che vuole: come la scelta di un mestiere “adatto al maschio”.
L’obbiettivo di affrancarsi da ogni sudditanza può giungere soltanto se si supera la soffocante eredità trasmessa da conformiste genitrici (con soventi ‘assenze’ del Padre) , che fanno leva peggiori atavismi per crescere le figlie, e soprattutto i figli, “quand’essi cercano nella donna la riproduzione rassicurante” di mamme ossessive e possessive. Con effetti da incubo.

Solido e accuratissimo nel suo impianto drammaturgico, lo spettacolo è, al contempo, lieve e possente, serio e calibrato nelle sue fonti di ispirazione. Soprattutto intrigante nella poliedricità dell’ interpretazione, agevolata dalla naturale inclinazione dell’ottima Laura Giordani- conosciuta per le pregevoli partecipazioni a film di Emma Dante e Roberto Andò- ad “entrare” con delicata parsimonia nella varietà dei personaggi. Con relativi accenti e sfumature di mimesi.
Elementi di relativa straneazione sottolineati nei divertenti cambi di personificazione, che sono uno spettacolo nello spettacolo. Gradito e applaudito da un pubblico eterogeneo.

Ultima modifica il Domenica, 27 Marzo 2022 17:46

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.