giovedì, 09 dicembre, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / VISIONIEXTRA, sguardo alla memoria e al futuro. -di Francesco Bettin

VISIONIEXTRA, sguardo alla memoria e al futuro. -di Francesco Bettin

Si chiama visioniextra, tutto attaccato e minuscolo, ed è un canale YouTube che si occupa di cultura in senso generale ma soprattutto molto teatro. Uno spazio tra storia e memoria voluto dal regista Maurizio Panici, che testimone e memore di spettacoli vissuti in prima persona tra tournèe e messe in scena realizzate per anni e anni ripercorre le proprie tracce pubblicando spettacoli (o spezzoni, documenti degli stessi) che hanno formato il Teatro Argot Studio, di Roma, e chi ci è passato per recitare. Va da sé dunque che si possono vedere diversi filmati suggestivi e affascinanti, ma che soprattutto riflettono negli anni l’impegno di un gruppo che ha saputo dare senso critico, appartenenza e uno sguardo particolare sulle drammaturgie contemporanee. Il canale visioniextra però non è solo questo, è un simbolico segno per rimanere vivi, vigili sulla realtà culturale che ci circonda, che passi sia per il teatro che per altre forme d’arte. Ad esempio, troviamo alcune conversazioni con attori (Fassari, Pier Giorgio Bellocchio, la Villoresi, Filippo Dini, Massimo Wertmuller, tanto per fare dei nomi) che mettono a fuoco ognuno a proprio modo una visione sul mondo che ci circonda, sulla pandemia che tanto ha colpito il mondo del teatro, dello spettacolo. Sono chiacchierate online fatte in estrema libertà, che in più occasioni invitano a riflettere sul senso del teatro oggi, e su quello che potrà accadere in futuro. Il canale ha anche una “finestra” sui social Facebook e Instagram, che a sua volta ampliano il raggio d’utenza di chi vuole seguirlo, di chi raccoglie, per così dire, le proposte, da extravisionario. A proposito di visioniextra, Maurizio Panici così lo racconta: “Il nostro canale servirà a ognuno di noi ad avere più informazioni, ma non superficiali, di approfondimento per quello che riguarda tutto l'aspetto della bellezza, dello spettacolo e della crescita culturale di un Paese. Penso sia un'operazione molto importante e sia necessario avere in questo momento uno strumento di questo tipo. Con la speranza che presto si possa tornare alla presenza, quella reale, agli abbracci, alla condivisione. In qualche modo all'ascolto condiviso con i cuori messi uno di fronte all'altro”. Del resto il momento è molto particolare, sembra infatti che pian piano ci si possa riappropriare di tutto quello che per un anno e mezzo è sparito, e con esso convinzioni, certezze, pensieri che mai e poi mai si sarebbe pensato avrebbero fatto i conti con un avvenimento mondiale, il virus Covid-19. Evento drammatico che ha messo purtroppo in ginocchio una miriade di persone in quasi tutti i settori di produzione, figuriamoci nell’ambito dello spettacolo e teatrale, considerato chissà perché spesso e volentieri l’ultima cosa da considerare. Che sia stato anche occasione di riflessione maggiore o meno, sono pareri discordi e personali, sicuramente certo è il danno enorme che ne è venuto fuori, le drammatiche morti, l’incupirsi, il deprimersi. Il momento, dicevamo, ora è questo, le timide riaperture di oggi guardano con speranza sincera, forte, a un nuovo domani che stiamo già vivendo e che probabilmente bisognerà reinventare. Il teatro avrà lo stesso spazio, lo stesso senso di prima? Come si potrà tornare in scena coi posti dimezzati nelle sale? Dovrà esserci un nuovo approccio mentale che chiarisca meglio il significato del ruolo dell’attore, della messa in scena stessa? Sono domande alle quali anche visioniextra cerca di dare il suo apporto, consci tutti assieme che il sapere, la cultura, la cosiddetta mitica magia del teatro rimarranno sempre cosa vera, utile per la formazione dell’individuo, ossigeno per la mente e il corpo. Quindi le nuove realtà comunicative che guardano con attenzione al teatro, a tutta l’arte, vanno guardate con una certa attenzione, pena il rischio di perdersi e di far naufragare tutto quello che di buono finora la cultura, il teatro hanno prodotto. Sono momenti importanti, decisivi, dove ognuno degli operatori del settore deve mettere il suo, cercando di captare segnali che, se pessimistici, devono essere contrastati attraverso le “armi” che ognuno si ritrova. E in questo visioniextra cerca di dare la sua, appunto, visione che alla fin fine è sempre quella nobile di tener viva la memoria pur rispettando i cambiamenti. Pronti, eventualmente, a cercare nuove vie, ma con la certezza che le cose buone fatte rimangono, e vanno rivalutate, fatte arrivare alle nuove generazioni che proprio da queste possono prendere spunto, extravisionarsi, appunto. Una prova ambiziosa, certo, ma l’importante è rimaner saldi sulle certezze che si hanno, ben sicuri che il teatro è una forma d’arte enorme, con il privilegio di aprire la mente, “svegliare” quando si dorme, accarezzare lo spettatore per emozionarlo. Il canale getta anche a tratti extravisioni sui territori locali, quando vengono colti spunti e idee da non lasciar passare, da mettere in luce. E’ tempo di riaperture, appunto, la piena che si era ingrossata sembra stia scemando, i salvagenti che abbiamo ancora vicino meglio comunque tenerli pronti. Il teatro però è come l’Araba Fenice, che reagisce con resilienza, e saprà risorgere e ritornare a essere quella forza straripante. L’attenzione da dargli, e da dare a tutta l’arte, è importante, e bisognerà essere più uniti di prima. Visioniextra tenta anche questo esperimento.

Ultima modifica il Sabato, 08 Maggio 2021 10:09

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.