martedì, 19 gennaio, 2021
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / UNO STABAT MATER FRA CINEMA E TEATRO NELLA CASA CIRCONDARIALE DI PISTOIA

UNO STABAT MATER FRA CINEMA E TEATRO NELLA CASA CIRCONDARIALE DI PISTOIA

"Stabat Mater" regia Giuseppe Tesi "Stabat Mater" regia Giuseppe Tesi

electra
Coinvolgere i detenuti nell’attuazione di un corto cinematografico, affiancati da due attori professionisti, Melania Giglio e Giuseppe Sartori, è stata l’idea guida del progetto, proposto e realizzato da Electra Teatro, utilizzando e mettendo a disposizione il linguaggio registico, di cui l’associazione si fa espressione ed interprete.

Melania Giglio

L’obiettivo cardine del progetto, in linea con l’art. 27 della Costituzione, ha mirato alla valorizzazione della persona nella sua crescita umana e culturale, promuovendone anche il re-inserimento sociale che superi una logica strettamente assistenziale.

Giuseppe Tesi

Il Regista ha scelto un testo originale per contenuto e stile. Si tratta dello Stabat Mater, una piéce tratta dalla raccolta Madri (ed. Oedipus, 2018) della poeta Grazia Frisina. Un testo in versi, strutturalmente evocativo del canto greco. Lo scritto, di grande impatto carnale e, al contempo, spirituale, appartiene all’alveo del teatro post-moderno, circoscritto in una chiave di lettura immaginaria e visionaria, fra estremi toni modulari, basso/alto, dentro/fuori. Il pianto della Madre di Cristo, qui interpretato con impeto neorealistico da Melania Giglio, è rappresentativo del pianto di tutte le madri di fronte al sacrificio e all’ingiusta morte di un figlio. Il Coro, formato da nove detenuti di diversa etnia ed appartenenza linguistica, e la Corifea, sostenuta da un insolente Giuseppe Sartori, si contemperano con efficacia all’afflato dei versi.

detenuto volto

Il grido di dolore di ciascuno, il vero disagio vissuto nel divenire Opus Artis acquisiscono, nel corso delle sequenze sceniche, i colori della speranza.
Malgrado i tempi frammentati e dilatati dovuti alle necessarie limitazioni imposte dalla pandemia, Electra Teatro è riuscita ad iniziare e a concludere le riprese nell’arco di un anno. La dirigenza e le maestranze della Casa Circondariale di Santa Caterina in Brana di Pistoia, sotto la guida della D.ssa Loredana Stefanelli, hanno sostenuto con entusiasmo e spirito collaborativo il lavoro. I detenuti, nonostante le iniziali incertezze e alcune diffidenze, si sono dimostrati seri, partecipi e motivati, rivelando inaspettate capacità espressive.

Giuseppe Sartori

ll progetto è in parte finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione un Raggio di Luce, Ordine Avvocati, Società della Salute Pistoiese, Misericordia, Fondazione Tesi Group.  Molto è stato fatto, ma molto c'è ancora da fare, soprattutto per la post-produzione.
Chiunque lo voglia, potrà diventare “produttore”, aiutando Electra a dare vita e a divulgare il valore e il messaggio di questo progetto, rispondendo al crowdfunding in atto con un libero contributo a :

ELECTRA TEATRO PISTOIA
IBAN: IT 34 T 07601 13800 00000 9533944,
INFO: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultima modifica il Domenica, 29 Novembre 2020 18:08
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.