venerdì, 20 settembre, 2019
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / LA SCOMPARSA DI CARLO DELLE PIANE. UNA VITA LUNGA QUANTO I SUOI FILM. -di Angelo Pizzuto

LA SCOMPARSA DI CARLO DELLE PIANE. UNA VITA LUNGA QUANTO I SUOI FILM. -di Angelo Pizzuto

Carlo Delle Piane Carlo Delle Piane

La scomparsa di Carlo Delle Piane

UNA VITA LUNGA QUANTO I SUOI FILM
Aveva lavorato con Sordi, Totò, Gassman, Fabrizi, De Sica, Pupi Avati e persino Roman Polanski (in "Che?" del 1972)

Delle Piane era un ossimoro vivente: un viso 'disegnato' da Picasso e una  recitazione rubata alla strada (a. crespi)
Quella sua voce nasale, 'tagliuzzata', di timbro ansiogeno ed introverso: inconfondibile.. Puta caso si fosse imbattuto, da sprovveduto, nel cinema di Pasolini sarebbe stata una fra le tante maschere a perdere della sua  tremenda tavolozza umana. Per sua fortuna, Carlo furoreggiava in altri ambienti: il  cinema di Carmen Villani. (a.p.)

di Angelo Pizzuto

Duttile, inafferrabile, persino (e innocuamente) mefistofelico, in quella sua mercuriale capacità di trasfigurare dall'infantile al sulfureo, dal buffo disarmante al più perfido egocentrismo (mix di  'calcolate' ingenuità e impercettibili furbizie- vero archetipo della stirpe di Romolo), al compimenti dei 70 anni di carriera, ed 83 anagrafici (nato nel 1936 in provincia di Teramo), ci lascia anche Carlo Delle Piane, come a "compimento" di questa incresciosa  black list agostana, nel corso della  quale si è  financo perso il  conto dei lutti e congedi fra  le più le più amate  personalità della creatività, della scrittura, dello spettacolo.
Come più volte egli  ebbe a raccontare, il primo film "per Carlo" era arrivato quando era appena dodicenne, nell'immediato dopoguerra (e in quel particolare ambiente proletario-piccolo borghese magistralmente raffigurato da Renato Castellani in "Sotto il sole di Roma"). «Frequentavo malvolentieri e maldestramente, strategicamente piazzato all'ultimo banco, le scuole medie  al Pio XI. Lì arrivarono gli assistenti del regista Duilio Coletti che cercavano tra gli alunni i ragazzi per un  film ispirato a "Cuore" di De Amicis. Come fu, come non fu, venni scelto...«
Da lì poi sarebbero arrivati i  ruoli di una vita, dal basso verso l'alto, in ascesa (e consapevolezza) d'interprete. «Ci volle del tempo –ricordava Carlo in una conferenza stampa veneziana- perché iniziassi a vivermi il cinema come una necessità e non solo di fare un mestiere istintivo e redditizio... Iniziando così  a  desiderare di mettermi in gioco non più solo come figurante o macchietta. Molti approfittavano, non certo benevolmente, di questa mia faccia sghemba e particolare- per alcuni prossima al 'ritardato', al 'segnato da Dio'...in realtà resa così da una brutta pallonata ricevuta da ragazzino, giocando in oratorio...Nessun complesso, solo qualche disagio iniziale, lo stupido confronto con i 'belli' del fico secco.... finì anzi che mi affezionai alla mia faccia, usandola persino e controcorrente, per tentare di 'rimorchiare' le mie coetanee.... di affinarne i tratti, la prossemica caratteriale, potenzialmente disponibile ai ruoli più disparati e imprevedibili ».
Così fu.
L'incontro con Sordi è del 1954: Carlo diventa Romolo Pellacchioni, detto Cicalone, l'amico di Nando Mericoni, in "Un americano a Roma" diretto da Steno. E, a seguire, la schietta amicizia con Aldo Fabrizi «Non  troppo amato dai colleghi per la sua brusca franchezza, con cui lavorai in  "La famiglia Passaguai" e nel "Rugantino" di Garinei e Giovannini,...per me una vera età dell'oro».
Determinante, poi, e come tutti riconosciamo (dopo un incidente l'auto in cui Delle Piene rischiò la vita e rimase a lungo in come),  l'incontro con Pupi Avati, che seppe valorizzarlo dapprima in "Tutti defunti, tranne i morti" del 1977, poi in "Le strelle nel fosso" del 1979, 'consacrandolo' infine in "Una gita scolastica" (Nastro d'argento nel 1986), successivamente in "Regalo di Natale" (Coppa Volpi in Laguna nel 1986, a sorpresa sul favorito, amareggiato Walter Chiari, da cui il sequel "La rivincita di Natale" del 2004), ove l'arguto cineasta inventò  per lui il personaggio infido e infelice del sedicente avvocato Sant'Elia, 'svagato' professionista del gioco d'azzardo in veste di benestante raggirabile e sottilmente succube di "certo e inarrivabile" fascino femminile (memorabile la frase, ed ineffabile l'espressione maniacal-sprovveduta,  che rivolge ad una bella signora, in attesa d'un treno alla stazione di Bologna, "Lei non è una prostituta, vero? Peccato, sarebbe stata la mia sola opportunità...ma non si offenda...è un complimento").
Infine, due chicche che non è detto siano in tanti a ricordare. L'unicum registico di Delle Piane nel soffuso e melanconico "Ti amo Maria" del 1997, dapprima interpretato a  teatro, in coppia con Laura Lattuada, su copione di Giuseppe Manfridi.
Ed infine, lo spin-off di "Regalo di Natale" (inventato dal regista Giuseppe Foresi per "Chi salverà le rose" del 2017)   presentato alla Casa del Cinema di Roma, del quale si sono poi perse le tracce, facendo torto non solo a  Delle Piane, ed all'autore, ma alla magnifica senilità di Lando Buzzanca, coprotagonista del film ed attore giunto a maturazione dopo lunghissima gavetta e inenarrabili equivoci di farsacce (e maschere) da dura sopravvivenza.
Proviamo a rintracciarlo....

Ultima modifica il Lunedì, 26 Agosto 2019 23:37

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.