giovedì, 24 ottobre, 2019
Sei qui: Home / Attualità / I fatti / Lamezia Terme: Alla terza giornata di "Fare Critica" trionfa il super premiato "Due passi sono" di e con Carullo-Minasi. -di Mario Mattia Giorgetti

Lamezia Terme: Alla terza giornata di "Fare Critica" trionfa il super premiato "Due passi sono" di e con Carullo-Minasi. -di Mario Mattia Giorgetti

“Due passi sono” di e con Cristina Minasi e Giuseppe Carullo “Due passi sono” di e con Cristina Minasi e Giuseppe Carullo

Lamezia Terme
Alla terza giornata di "Fare Critica"
trionfa il super premiato "Due passi sono"
di e con Carullo-Minasi

Con la terza giornata si è continuato il percorso al Chiostro di San Domenico di Lamezia Terme del ciclo degli incontri dedicati al tema "Fare Critica" dell'omonimo Festival.
La tornata degli incontri prevedeva la presenza di Antonello Antonante, direttore del Teatro dell'Acquario di Cosenza, di Mario Mattia Giorgetti, direttore di Sipario, Giuseppe Soluri dell'Ordine del Giornalisti della Calabria e della professoressa Maria Scaramuzzino, la Compagnia Carullo-Minasi che hanno reso la loro testimonianza intorno al tema del "Fare Critica".
La giornata, anticipata dalla proiezione di due cortometraggi muti di George Miélèis, uno dedicato a "Barblu" e l'altro a "Cenerentola", si è conclusa con lo spettacolo, super premiato a partire dal 2011 in poi, "Due passi sono" di e con Giuseppe Carullo e Cristina Minasi, una coppia in vita e in arte, che si è cucita addosso una drammaturgia autobiografica, fatta di incomprensioni, scontri, malintesi, adottando un linguaggio dal sapore ioneschiano, farcito con momenti di poesia e amore.
Uno spettacolo struggente sia per la particolare intesa tra i due, così minuti in scena per la loro fisicità, ma grandi per l'interpretazione resa, sia per le già collaudate repliche, oltre cento; lei dinamica conduceva il gioco, lui timido e sottomesso le faceva da spalla: ritmo, pause e tempi perfetti.
Il tutto si svolge intorno a due sedie colorate, una di schiena all'altra, un finto fiore, un girasole, allungabile come a scandire il tempo che passa, un cuscino da notte contenente un velo e un abito da sposa polveroso che usciranno per concludere il finale della messa in scena, il loro matrimonio; lei vestita con un abito colorato da favola per bambini, entrambi muniti di occhiali da vista, questi pochi elementi significativi sono bastati a creare un atmosfera da sogno metaforico, che il pubblico ha applaudito a lungo, con sentita partecipazione.

Ultima modifica il Venerdì, 22 Febbraio 2019 09:43

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.