giovedì, 29 settembre, 2022
Sei qui: Home / Attualità / DAL MONDO / Sinopsi testi / TI FARÒ CHIAMARE ZIA - di Giampiero Della Nina

TI FARÒ CHIAMARE ZIA - di Giampiero Della Nina

TI FARÒ CHIAMARE ZIA
Commedia di Giampiero Della Nina

C’è qualcosa di più imbarazzante per una giovane donna (Irene), che chiedere alla più cara amica (Emma), suo marito (Antonio) “in prestito”, per una notte? In fondo, a saperlo sarebbero soltanto loro tre, oltre al marito di Irene (Rodolfo). Chi è il più “sacrificato” dei quattro? Irene, che si trova ad elemosinare una prestazione sessuale, sicura di apparire agli occhi della sua amica, una sgualdrina qualunque? Emma e Rodolfo, i quali, consapevolmente, accettano il ruolo di cornuti? E che dire di Antonio, al quale si chiede, di sottoporsi ad una sorta di stupro passivo ? Tutti i personaggi hanno una croce da sopportare, ma qual’è la più pesante? Certamente non quella dell’anziana zia Agata, che vive quei fatti dall’alto della sua confusione mentale. Una confusione, a dire il vero, che lascia nell’imbarazzo, perché a volte ti guarda con occhi spalancati dalla demenza ed altre, con sguardi acuti come pugnali. Non sai proprio come trattarla. Eppure, avrebbe dovuto essere una vacanza al mare spensierata, da consumarsi da parte di due giovani coppie di sposi, con la presenza ingombrante, seppur cara, di zia Agata. Così erano partiti dalla Toscana. per raggiungere il mare pugliese. Tutto sembra scorrere secondo le aspettative, finché, quella sera sulla terrazza, al suono di una musica lontana, si scoprono le carte: Irene figlia adottiva, vuole un figlio suo, carne della sua carne. Tenendolo stretto vuole ritrovare in lui, i suoi lineamenti, le sue espressioni. Ha sofferto molto la condizione di “figlia adottiva” e non permette che suo figlio l’abbia a ripetere. I quattro giovani si trovano a vivere una situazione paradossale, tragicomica, sul filo di sottili ironie, silenzi, imbarazzi, doppi sensi, perplessità. Si scomodano perfino le sacre scritture, per dimostrare che “si può fare” ed anzi che “già è stato fatto”. Però è una decisione difficile da prendere, e non può essere affidata ad una sola persona. In questo caso, occorre l’unanimità. Soltanto Irene ha un preciso obiettivo, che si propone di raggiungere, ma come convincere gli altri?

Ultima modifica il Giovedì, 03 Febbraio 2022 23:14
La Redazione

Questo articolo è stato scritto da uno dei collaboratori di Sipario.it. Se hai suggerimenti o commenti scrivi a comunicazione@sipario.it.

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.