giovedì, 29 ottobre, 2020
Sei qui: Home / Attualità / CONCORSO CRITICI 2019 / (CONCORSO CRITICI 2019: TEATRO) - "TEMPI MATURI" regia Emanuele Arrigazzi. -di Tommaso Chimenti

(CONCORSO CRITICI 2019: TEATRO) - "TEMPI MATURI" regia Emanuele Arrigazzi. -di Tommaso Chimenti

"Tempi Maturi" regia Emanuele Arrigazzi "Tempi Maturi" regia Emanuele Arrigazzi

TEMPI MATURI
di Allegra de Mandato
con Emanuele Arrigazzi
regia Emanuele Arrigazzi
disegno luci Fabrizio Visconti
video e fotografie Cecilia Brugnoli
progetto grafico Riccardo Guasco
produzione Casa degli alfieri
Visto al Teatro delle Moline, Bologna, il 12 febbraio 2019

BOLOGNA - Il rumore delle ruote che scivolano sui cilindri, rimanendo in perfetto equilibrio dinamico, è il metronomo che fa rima con il battito del cuore, sono le virgole a questo flusso di coscienza che non conosce pause, è il misuratore di fatica e sudore che scansiona l'aria, che rimette in circolo endorfine, è la cadenza dei passi sempre più affrettati dentro il bosco della nostra esistenza, dentro la conoscenza di noi stessi. "Tempi maturi", di Allegra de Mandato, ha in scena un attore e un ciclista, nella stessa persona, Emanuele Arrigazzi, in un'ora di pedalata sostenuta senza cedimenti.
E' una corsa contro se stessi quella di Arrigazzi, corpose le ombre create sul muro che sembrano altri sé che corrono al suo fianco superandosi, nei panni di un attore-ciclista che ha affrontato la vita per vincerla, per batterla, ma in fondo non ha spinto fino al limite, poteva dare di più e l'insoddisfazione deriva dai quasi, dai forse, dalla mancanza di decisione nei momenti che contavano come uno sprinter in volata sul traguardo. Come ne "La Maratona di NY" di Edoardo Erba, dove i due protagonisti corrono su un tapis roulant, lo sport è il sottofondo, è l'azione mantra, cornice dentro la quale perdersi in gesti ripetitivi.
La bicicletta qui è sia compagno che aguzzino, sia confidente che avvoltoio, amico e sanguisuga che gli toglie le energie migliori. La bicicletta ha l'unica catena che ti rende libero. E' uno spettacolo non tanto sul ciclismo, nemmeno sullo sport, ma è un monologo sulla necessità di fare fatica, fatica come azione quotidiana per ripulirsi dai pensieri, fatica dosata per reggere meglio l'urto con l'oggi, fatica per essere più forti e più stanchi, più pronti e più tenaci. Ipnotizzano i raggi delle ruote che corrono come scorre il tempo sulle nostre rughe. Che poi i tempi non sono mai maturi oppure lo sono quando noi decidiamo di mettere un punto e cominciare a far sì che lo siano realmente invece di trascinarci tra mancate aspirazioni, cocenti delusioni, ambizioni fallite, chili di alibi, sensi di colpa senza prendersi le giuste responsabilità. Siamo noi stessi i primi grandi nostri nemici, ci freniamo, ci mettiamo i bastoni tra le ruote (appunto).
"Tempi maturi" ci parla del cambiamento, di tutti quei crack che dentro di noi prima ci rompono per poi ricomporci più consapevoli, è una dose di coraggio, una spinta a non abbattersi, un incentivo a pedalare anche quando non ce la fai più, anche quando, soprattutto, la salita si fa più ripida.

Ultima modifica il Giovedì, 04 Aprile 2019 13:47

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.