mercoledì, 21 ottobre, 2020
Sei qui: Home / Attualità / CONCORSO CRITICI 2019 / (CONCORSO CRITICI 2019: TEATRO) - "LETIZIA FOREVER" regia Rosario Palazzolo. -di Tommaso Chimenti

(CONCORSO CRITICI 2019: TEATRO) - "LETIZIA FOREVER" regia Rosario Palazzolo. -di Tommaso Chimenti

"Letizia Forever" regia Rosario Palazzolo "Letizia Forever" regia Rosario Palazzolo

LETIZIA FOREVER

con Salvatore Nocera

testo e regia Rosario Palazzolo

e con le voci di Giada Biondo, Floriana Cane, Chiara Italiano,
Rosario Palazzolo, 
Chiara Pulizzotto, Giorgio Salamone


scene Luca Mannino

luci Toni Troia

assistente alla regia Irene Nocera

coproduzione Teatrino Controverso / T22 / Acti Teatri Indipendenti
Visto al Teatro Libero, Milano, il 25 gennaio 2019

MILANO - E' recente la notizia di una rivalutazione delle fino a poco tempo fa obsolete cassette musicali. Dopo la riesumazione dello scomparso vinile adesso è l'ora della cassetta che, con i suoi tasti play o rev, è l'oggetto feticcio (come nel beckettiano "L'ultimo nastro di Krapp"), lo spartiacque di "Letizia Forever" (prod. ACTI, Teatrino Controverso, T22; in quattro anni 120 repliche), testo a forte connotazione siciliana ma esportabile a qualsiasi latitudine di disperazione. Letizia, nel suo abitino a pois che fanno rima con la luce stroboscopica che le zampilla addosso, parla la lingua sporca e sgrammaticata messa a punto da Rosario Palazzolo, regista e autore, che ha affinato questa terminologia che ha nell'onomatopeico come nel grossolano e nella sintassi sconclusionata tenerezza e ingenuità bambinesca.
La playlist di "genere d'amore italiano" ha una forte valenza drammaturgica perché sottolinea i vari momenti di questa "intervista" che in definitiva è una confessione. Il personaggio Letizia è un Giano bifronte, interpretato da Salvatore Nocera non semplicemente en travestì, credibile per la forza espressa nel suo phisique du role da rugbista barbuto, per la leggerezza mista a rassegnazione, per la dolcezza mischiata alla speranza marcita, per quei piccoli gesti che ne tratteggiano l'interiorità violata.
Sulla sua sedia-trono fragile, ogni giorno Letizia è costretta a spiegare nuovamente ciò che ha già raccontato, è forzata nel ricordare i dettagli delle sue azioni. Tutto questo le fa un male atroce che può addolcire soltanto con la musica, la colonna sonora dei "fabulosi anni '80", decade spensierata prima di una vita coniugale senza amore né gioia, costellata di silenzi e assenze.
La musica è l'unica cosa che allevia le sofferenze di questa donna che mai è stata libera, passando dalle frustrazioni di una famiglia tradizionale alle castrazioni di un marito anaffettivo, la musica è il grimaldello che apre la botola del dolore. Il trauma ha congelato il tempo e Letizia è rimasta attaccata alle rime facili di quegli amori impossibili. Palazzolo, come Scimone e Sframeli, come Moscato, riesce a ricreare scenicamente atmosfere di spazi angusti soffocanti nei quali esplodono l'asfissia degli affetti, l'anoressia dei sentimenti, l'afasia dei rapporti umani, il soffocamento della felicità, la claustrofobia dell'essere umano senza futuro.

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Marzo 2019 11:23

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.