mercoledì, 13 novembre, 2019
Sei qui: Home / Attualità / Archivio / "Non vero ( e bello)", lo spettacolo di e con Jacopo Zerbo, storico collaboratore di Dario Fo, conclude martedì 20 dicembre 2016, ore 21.00, al Teatro a l'Avogaria di Venezia

"Non vero ( e bello)", lo spettacolo di e con Jacopo Zerbo, storico collaboratore di Dario Fo, conclude martedì 20 dicembre 2016, ore 21.00, al Teatro a l'Avogaria di Venezia

Martedi' 20 dicembre 2016, ore 21.00, nello storico teatro lagunare, lo spettacolo di e con Jacopo Zerbo, storico collaboratore di Dario Fo, che, nel centenario della sua morte, dedica lo spettacolo al poeta crepuscolare

"NON VERO ( E BELLO)": LA VITA ARTISTICA DEL GRANDE POETA GUIDO GOZZANO CHIUDE LA RASSEGNA DE I MARTEDI AL TEATRO A L'AVOGARIA DI VENEZIA

Si conclude il ciclo de "I martedì dell'Avogaria" che ha portato in laguna alcuni fra gli spettacoli più interessanti nel panorama drammaturgico nazionale

Venezia, 13 dicembre 2016

La condizione dell'arte al giorno d'oggi vista attraverso la vita e la poesia di Guido Gozzano. "Non vero ( e bello)", lo spettacolo di e con Jacopo Zerbo, storico collaboratore di Dario Fo, conclude martedì 20 dicembre 2016, ore 21.00, al Teatro a l'Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607, Corte Zappa) il ciclo de i "Martedí dell'Avogaria", rassegna che ha presentato in laguna alcuni fra gli spettacoli più interessanti nel panorama drammaturgico nazionale. "Non vero", nel centenario della sua morte, mette al centro la vita di Guido Gozzano, uno dei più grandi attori del Novecento. Sì, perché quello che a scuola viene normalmente presentato come un poeta in realtà è qualcosa di più, è un poeta che recita, che si mette in scena, talmente bravo da essere ricordato più per il personaggio che si è costruito in poesia che per l'uomo che era in realtà. Un artista che crea un mondo fantastico popolato di suoi alter ego e di donne che non esistono, e lo fa in un periodo storico in cui la poesia e l'arte vengono poste sempre più in secondo piano. Oggi come allora l'arte grida, fa di tutto per essere notata, ricordata, salvata. Ma se gridare non fosse la strada giusta?

Gozzano è un artista borghese che come pochi altri comprende la grettezza della classe sociale in cui lui stesso è nato e decide di usare la narrazione poetica per raffigurare ironicamente lo svuotamento di umanità e di sensibilità culturale che pervade il suo tempo. E il nostro.Un poeta per cui l'arte veniva prima di ogni altra cosa. Un attore che partiva dal suo materiale personale per descrivere la condizione di un mondo in cui l'arte è ormai diventata una "cosa di trastullo". Ma che "rubava" anche le parole dei grandi autori del passato, perché l'arte, come sanno gli attori, si ruba. E quest'attore propone una strada possibile: l'esilio, la rinuncia, non a fare arte, ma a tentare di combattere il denaro e l'impoverimento culturale sul loro stesso terreno. L'esilio come tentativo di custodire l'arte, come rifiuto di adattare il teatro e la poesia alle "esigenze" e ai "ritmi" della società dei consumi. Perché l'arte non diventi una merce, l'ennesima applicazione dell'intrattenimento globale. Jacopo Zerbo, alternando brani gozzaniani a momenti di racconto, ci fa conoscere un artista che vede la società di cui fa parte involgarirsi e scivolare nell'apatia dei sentimenti.

L'Associazione Teatro a l'Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d'improvvisazione teatrale tra la Commedia dell'Arte e le Teorie dell'Avanguardia. In più di quarant'anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la "Commedia degli Zanni" rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell'Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell'interpretazione.

Gli spettacoli della Rassegna "I Martedì all'Avogaria", ore 21.00, su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Info: http://www.teatro-avogaria.it/

Ultima modifica il Giovedì, 15 Dicembre 2016 21:48

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 02 31055088

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.