lunedì, 18 giugno, 2018
Sei qui: Home / W - X - Y - Z / WOYZECK - RICAVATO DAL VUOTO - regia Michela Lucenti

WOYZECK - RICAVATO DAL VUOTO - regia Michela Lucenti

Woyzeck - ricavato dal vuoto Woyzeck - ricavato dal vuoto regia Michela Lucenti

dal Woyzeck di Georg Büchner
nuova traduzione Alessandro Berti, ideazione, scrittura fisica e messa in scena Michela Lucenti
con Maurizio Camilli, Andrea Capaldi, Andrea Coppone, Francesco Gabrielli, Raffaele Gangale, Filippo Gessi, Michela Lucenti, Carlo Massari, Gianluca Pezzino, Emanuela Serra
musiche originali Mauro Montalbetti, luci Stefano Mozzanti
produzione Fondazione Teatro Due – Balletto Civile
al Teatro Due, 4 dicembre 2011

www.Sipario.it, 18 gennaio 2012

Michela Lucenti è una che ama le sfide, è coreografa che frequenta il pensiero contemporaneo attraverso i suoi ragazzi di Balletto Civile e lo fa rischiando, eccedendo, mettendosi costantemente alla prova. E' questo gusto del frequentare il limite dei generi, l'orizzonte sottile di parole/suono/movimento che si ravvisa in Woyzeck, di Georg Büchner. Affidandosi alla squillante e intensa traduzione di Alessandro Berti, Michela Lucenti recupera dall'incompiuto testo espressionista una sua particolare versione postmoderna in cui ironia e angoscia si tengono per mano e trovano nel corpo di Woyzeck il suo simbolo, il capro espiatorio di una colpa in inespiabile: il non senso del vivere, l'assenza di bontà nel mondo. In quel 'ricavato dal vuoto' che si affianca al titolo c'è forse la chiave di lettura di un lavoro non immediato, a tratti un po' faticoso e che in alcuni punti rischia di voler dire tutto, dire troppo. Michela Lucenti cerca di immergesi e fa immergere con lei anche i suoi bravi e intensi danza'attori in quell'abisso che è l'uomo, un abisso che provoca stordimento, che acceca, immobilizza e fa impazzire d'angoscia. La vicenda del soldato Woyzeck, la sua natura 'buona', il suo amore per Maria, la gelosia che scoppia, la violenza incontrollata e mossa dal troppo amore emergono in maniera carsica nel disegno drammaturgico e coreografico di Michela Lucenti che scolpisce con amabile sensualità il corpo del suo danzatore feticcio, Maurizio Camilli, ne fa l'emblema sacrificale di una innocenza fisica che alla fine si perde nel latte amniotico di una poltiglia che soffoca e purifica al tempo stesso. In Woyzeck – ricavato dal vuoto le immagini possono più delle parole, la seduzione dei corpi, la coreografia spigolosa composta da Michela Lucenti danno sostegno ad un narrare che dice e spiega, che non si accontenta di evocare ma vuole mettere glosse e alla fine rischia di essere costringente e ridondante. Si ha l'impressione che Lucenti abbia proceduto per accumulo, abbia giustapposto elementi senza arrivare alla sintesi, presa dal desiderio di dire tutto, di fissare l'abisso che è l'uomo. E l'effetto è un giramento di testa che fa perdere la prospettiva e consegna al pubblico un lavoro interessante ma che non convince fino in fondo.

Nicola Arrigoni

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Agosto 2013 11:18

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.