venerdì, 21 settembre, 2018
Sei qui: Home / V / VICINI (I) - regia Fausto Paravidino

VICINI (I) - regia Fausto Paravidino

"I vicini", regia Fausto Paravidino "I vicini", regia Fausto Paravidino

di Fausto Paravidino
Testo commissionato dal Théâtre National de Bretagne
con Iris Fusetti, Davide Lorino, Barbara Moselli, Fausto Paravidino, Sara Putignano
scene Laura Benzi
costumi Sandra Cardini
luci Lorenzo Carlucci
regia Fausto Paravidino

Napoli, Nuovo Teatro Nuovo dal 16 al 20 marzo 2016

www.Sipario.it, 18 marzo 2016

E' una commedia umana l'ultimo spettacolo di Fausto Paravidino, in scena a Napoli al Nuovo Teatro Nuovo fino al 20 marzo. "I vicini" affronta il tema della paura, reale o immaginaria, in un clima di suspense che trasporta in un'atmosfera divisa tra vero e falso, tra fatti reali, ipotesi, sogni e incubi. Fausto Paravidino, autore, regista e interprete della pièce, mette su dialoghi serrati o meno, a seconda delle situazioni in cui si trovano i protagonisti. Su una scena bianca, che fa pensare ad alcuni dipinti di Hopper, i giochi di buio e luce, alternano stati d'animo e circostanze, creando una tensione continua accresciuta dai rumori e dalle musiche. Basta il suono del campanello per far sobbalzare tutti.
Uno spettacolo piuttosto nuovo per la scena, che ricorda altri lavori noir soprattutto cinematografici, genere frequentato dal giovane pluripremiato scrittore, ottavo italiano a essere rappresentato alla Comédie Française, dopo, Goldoni, D'Annunzio, Pirandello, Eduardo, Pasolini, Dario Fo, Spiro Scimone,.
"I vicini" parla di paura, quella irrazionale, quella dell'ignoto, quella che trasforma il nuovo in una minaccia alla propria casa-rifugio. E così sembra all'inizio.
Il protagonista, Lui, chiuso nella propria casa, quasi sempre in pigiama, è terrorizzato dall'esterno e dagli altri, si confronta con la compagna Greta (Iris Fusetti) sui vicini appena giunti, interrogandola di continuo.
L'incontro con gl'inquietanti inquilini creerà ambigue situazioni, alterando gli equilibri della coppia, svelando conflitti e provocando riflessioni. Un gioco di dipendenza lega gli uni agli altri, l'iniziale invadenza si trasforma in un crescendo di incontri e scontri, di unione e separazione, di cambiamenti profondi.
A tutto ciò si aggiunge l'eterea minacciosa presenza, notata solo da Greta, di una vecchia che appare di notte all'improvviso: è l'inquilina precedente, un'apparizione, un fantasma o la nonna in un suo incubo? Lei ricorda e non ricorda, lui insiste sui particolari.
Fausto Paravidino, nei panni di Lui, nel ritmo della recitazione ricorda un certo Woody Allen, caustico, nevrotico e agnostico, o il Polanski dei film thriller.
Al fantasma l'autore affida la conclusione della pièce. E qui cala la tensione. Materializzatasi sulla scena, la vecchia racconta la sua storia di solitudine, il dolore della guerra, la perdita e il ritrovamento del marito, mentre le coppie si ricompongono.

Angela Matassa

Ultima modifica il Venerdì, 18 Marzo 2016 23:11

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.