lunedì, 10 dicembre, 2018
Sei qui: Home / V / VISITE - regia Riccardo Pippa

VISITE - regia Riccardo Pippa

"Visite", regia Riccardo Pippa. Foto Laila Pozzo "Visite", regia Riccardo Pippa. Foto Laila Pozzo

ideazione e regia Riccardo Pippa

di e con Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti,
Sandro Pivotti, Maria Vittoria Scarlattei, Matteo Vitanza

dramaturgia Giulia Tollis

maschere e costumi Ilaria Ariemme

scenografia Anna Maddalena Cingi

disegno luci Paolo Casati

cura del suono Luca De Marinis

assistente alla regia Daniele Cavone Felicioni
produzione Teatro Franco Parenti in collaborazione con Teatro dei Gordi
Teatro Franco Parenti, Milano, dal 20 novembre al 9 dicembre 2018

www.Sipario.it, 22 novembre 2018

Il ricordo come antidoto alla fine della vita

Una stanza, un letto, due comodini, una sedia sono gli oggetti scenografici di questa pièce in cui la drammaturgia di Giulia Tollis e la regia di Riccardo Pippa ripropongono un concetto filosofico: panta rei.
La riproposizione teatrale di questo concetto ci viene offerta attraverso i ricordi di una coppia, un uomo e una donna, ormai in età avanzata, che si preparano ad affrontare il mistero dell'esistenza. La loro situazione attuale, resa dalla decomposizione temporale delle facce attraverso delle maschere (bellissime nella loro bruttezza), si contrappone scenicamente al ricordo di quello che furono, attraverso l'incontro, alle visite, nella stanza, di più giovani personaggi. È su questo doppio binario registico basato su un doppio livello temporale, che scorre una drammaturgia "muta" la cui scelta centrale è il privilegio del corpo. Perché è il corpo e la sua inevitabile metamorfosi ad offrirci la possibilità di una riflessione profonda sulle parole di Eraclito intorno al destino dell'essere umano. Giovinezza e vecchiaia, passato e presente, ricordo e azione sono solo alcuni dei concetti dicotomici riassunti nella dinamica, nel cambiamento e nel ritmo di un corpo in divenire. In una notte festosa di capodanno, le movenze seducenti di giovani corpi di un gruppo di amici lasciano, immediatamente, spazio alla lentezza dei due vecchi, nel momento di andare a letto a dormire, non prima di avere svolto i soliti rituali quali spostare un cuscino o aggiungere una coperta. In questo continuo alternarsi scenico scorre lo spettacolo. Fino ad un punto. Un punto di rottura, di qualità, che evita una ripetizione, nonostante la sua bellezza e precisione quasi coreografica, quasi eccessiva. Il fondale della scena cade. Il nostro sguardo acquista improvvisamente profondità. La stanza non c'è più. Rimane il letto. Ci troviamo catapultati in un ospizio. La donna anziana è sola. Il marito è rimasto nella fotografia accanto al comodino. Altri personaggi indossano le maschere. La vita sta per finire. Soltanto la visita di una amica porterà consolazione e luce nel buio di una morte vicina.

Andrea Pietrantoni

Ultima modifica il Sabato, 24 Novembre 2018 13:56

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.