domenica, 21 aprile, 2019
Sei qui: Home / U / UTERI'N'ARIA - regia Paolo Panizza

UTERI'N'ARIA - regia Paolo Panizza

"Uteri’n’aria - Itinerario di sola andata", regia Paolo Panizza "Uteri’n’aria - Itinerario di sola andata", regia Paolo Panizza

Itinerario di sola andata
Di e con Antonella Voltan
Regia di Paolo Panizza
Disegno luci di Federica Piergiacomi
Produzione SPAZIO VERTICALE
Milano, Stecca 3.0 - 26, 27 gennaio 2019

www.Sipario.it, 29 gennaio 2019

Uno spazio bianco, pronto per essere colorato. Un salotto ludico dove ci si diverte e mette in gioco. Così Stecca 3.0 ospita le vite di tre donne, ad ognuna assegnata una fase del parto. Tre storie sospese, tre uteri in aria, ciascuno paralizzato nel proprio ciclo solo per rendersi manifesto. Esistenze per nulla banali, non di tutti i giorni, o forse sì, ma delle quali Antonella Voltan ha sentito comunque il bisogno di scrivere e dare voce. Tante immagini condiscono la scena, presentate in maniera fresca e dinamica dalla regia di Paolo Panizza. Il monologo è così reso fluido ed in perenne conflitto permettendo alla penna di Voltan di commuovere in molti snodi. La fermata di un tram, arrugginita nella nostalgia ma anche nel rimorso; gli stessi sapori della prima storia. Elena è un po' timida, brava a raccontare poesie. Figlia del desiderio di una donna di dare la vita, indipendentemente dalle incertezze, dalla solitudine, da tutto. Un volo di rondine, con fede e determinazione a dar luce a questo viaggio avventuroso, un itinerario di sola andata, in cui ogni giorno trascorso equivale ad un traguardo raggiunto. Elena non sa che la promozione lavorativa della madre è stata rinviata a data da definire, che il lavoro stesso magari cambierà o verrà affiancato da un altro. Gli occhi della donna, sebbene carichi di paura, continuano a comunicare amore e speranza, anche se filtrati da uno schermo. La seconda storia vede Dora protagonista che, come il fiume, si secca, si svuota, fa fatica a trovare il suo affluente; tuttavia, come la dedizione, riesce a uscire dallo schermo e raccontarsi. Una maternità desiderata, anche in questo caso. Un figlio, una figlia: non si sa. Perché non è mai arrivato. Una richiesta di aiuto alla scienza che, in cambio di tanti, troppi tentativi, lampeggia una linea verticale nel test di gravidanza: non incinta. Un senso del dovere che si sta smarrendo. Un desiderio che diventa ossessione. La terza fase, quella espulsiva, insegna che "ci sono tante parole di cui possiamo fare a meno", dando la precedenza a un tempo che non ritorna, da cui bisogna distillare fino all'ultimo secondo. E quando di mezzo c'è una malattia neurologica, anche se il rumore della sedia a rotelle è sempre più assordante, ogni operazione alla spina dorsale è vita che rinasce. Una condizione attutita da una madre che confessa il suo desiderio di conoscere la quotidianità della figlia di cui si è occupata per 23 anni. "Francesca ha fatto di me una persona migliore": la figura dell'attrice si riempie a fine spettacolo, toccando le corde più sensibili del pubblico nella sua totalità. "Un tema solo apparentemente femminile, che riguarda l'essere umano posto di fronte ad un bivio". Sembra ecumenico l'appello di Voltan che, emozionando ed emozionandosi, rende la maternità una condizione universale.

Giovanni Moreddu

Ultima modifica il Lunedì, 04 Febbraio 2019 18:30

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via Garigliano 8, 20159 Milano MI, Italy
  • +39 347 9115958

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.