lunedì, 23 aprile, 2018
Sei qui: Home / T / TRE STORIE TRE - regia Franco Giorgio

TRE STORIE TRE - regia Franco Giorgio

Tre storie tre Tre storie tre Regia Franco Giorgio

di Stefano Benni
regia Franco Giorgio
con Giovanni Arezzo
musiche dal vivo Maurizio Diara
costumi Silvana Licitra
scenografia e decorazioni Daniela Antoci
luci e fonica Peppe Santacroce Service
Sicilia, 2009

www.Sipario.it, 30 gennaio 2009
“Tre storie tre” di Stefano Benni, nell’accurata  regia di Franco Giorgio, con lo straordinario e giovane attore Giovanni Arezzo e con le musiche suonate dal vivo di Maurizio Diara, è lo spettacolo che abbiamo visto al teatro di Donnafugata di Ragusa Ibla, in dicembre.
Tre sono le storie raccontate in una scenografia sobria ed essenziale, che mette in risalto la tragedia dell’epoca moderna: il malessere dell’uomo di oggi dal punto di vista esistenziale.
Tutte e tre le storie corteggiano amorosamente la morte  con una visione trascendente: Dio è vissuto con fattezze umane e vicino ai bisogni e alle esigenze degli uomini.
Amore e morte si alternano ne “Il sogno del muratore”, “Onehand Jack” e “Il Dottor Divago” in un gioco di ironia e grottesco.
Emozioni, sentimenti e pensieri sono il risultato del gioco teatrale, da cui scaturisce un coinvolgimento del pubblico che si sente proiettato nelle storie medesime.
Il microcosmo raccontato ci incute malinconia e sorriso e ci fa riflettere sul significato della vita.
Le tre storie ci portano sul filo del sogno e della speranza.
Il muratore vorrebbe costruire case con vere persone e invece è costretto a costruire palazzi fatiscenti: vorrebbe comportamenti umani ed è costretto a sopportare lo sfruttamento, ma sogna un aldilà da eden perenne.
Onehand Jack con una mano sola riuscirà a suonare il contrabbasso e si innamora: riuscirà a sconfiggere la malavita e ad avere un’esistenza idilliaca.
Una storia d’amore tragica porta il dottor Divago alla morte fisica ma non spirituale.
Questi tre racconti ben amalgamati sono ben interpretati da un attore, Giovanni Arezzo, che riesce a comunicare la tristezza, la crudeltà, la malinconia della vita che è percorsa da ognuno di noi nella prospettiva di una morte che non viene vissuta come tragedia ma come speranza.
Le tre storie sono accompagnate da brani jazz suonati con la chitarra da Maurizio Diara , che coinvolge e fa rivivere emozioni e atmosfere, da quelle giornaliere del muratore, a quelle dei bassifondi americani di Onehand Jack, a quelle esistenziali del Dottor Divago, segnato dallo sfortunato destino di saltare da un discorso ad un altro e dalla sconfinata solitudine.

Rosanna Bocchieri

Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2013 04:55

Articoli correlati (da tag)

Iscriviti a Sipario Theatre Club

Il primo e unico Theatre Club italiano che ti dà diritto a ricevere importanti sconti, riservati in esclusiva ai suoi iscritti. L'iscrizione a Sipario Theatre Club è gratuita!

About Us

Abbiamo sempre scritto di teatro: sulla carta, dal 1946, sul web, dal 1997, con l'unico scopo di fare e dare cultura. Leggi la nostra storia

Get in touch

  • SIPARIO via G. Rosales 3, 20124 Milano MI, Italy
  • +39 02 65 32 70

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la cookie policy. Accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner si acconsente all'uso dei cookie.

Per saperne di più clicca qui.